Mer. Lug 17th, 2024

Nella colluttazione l’anziano cadde a terra battendo la testa. Trasportato in ospedale, morì dopo due settimane di agonia e sofferenza

Continua dopo la pubblicità...


futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

La Corte d’Assise di Catanzaro ha deciso: al termine del processo di primo grado, Giuseppe Lucifero, 62 anni, è stato condannato a 8 anni di reclusione per la morte del 71enne Domenico GarrìI fatti risalgano al giugno 2015, nel bar di proprietà dell’aggressore a Cessaniti, nel Vibonese. Secondo quanto ricostruito nella fase delle indagini condotte dalla Procura di Vibo, Lucifero aggredì Garrì a seguito di una lite. Nella colluttazione, avvenuta proprio all’interno del locale, la vittima cadde a terra sbattendo violentemente la testa. Trasportato urgentemente in ospedale, morì dopo due settimane di agonia e sofferenza. I giudici hanno ritenuto, dunque, Lucifero responsabile della morte del 71enne e colpevole di omicidio preterintenzionale.

Print Friendly, PDF & Email