Mer. Lug 24th, 2024

Uno studio, il cui contenuto è stato anticipato dal New York Times, dimostra che le goccioline e l’aerosol nell’aria possono trasportare virus vivi e non solo frammenti di materiale genetico fino a una distanza di 4,8 metri. La ricerca è stata condotta dall’Università della Florida; gli scienziati hanno isolato virus vivi da aerosol a una distanza compresa tra due e quasi cinque metri. “Si tratta di una prova inequivocabile della presenza di virus infettivi negli aerosol – afferma Linsey Marr, esperta nella diffusione aerea di virus non direttamente coinvolta nel lavoro – la distanza considerata è nettamente maggiore rispetto al metro consigliato dagli esperti per ridurre la diffusione”. Per alcuni esperti non è però ancora chiaro se la quantità di virus raccolta fosse sufficiente a provocare l’infezione. “Campionare materiale biologico – sostiene Shelly Miller, ingegnere ambientale presso l’Università del Colorado Boulder – è piuttosto difficile. È necessario effettuare il campionamento del materiale biologico in modo che sia più simile a come viene inalato”.

Continua dopo la pubblicità...


CAMPAGNA-ANTINCENDIO-2024_6x3mt-4_page-0001
futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

continua su: https://www.fanpage.it/live/coronavirus-ultime-notizie-19-agosto/3/
https://www.fanpage.it/

Print Friendly, PDF & Email
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com