Mar. Gen 19th, 2021

“Il quadro dipinto dall’indagine congiunta delle Procure di Catanzaro e Reggio Calabria che ha portato a scoperchiare un ben oliato sistema di accesso agli appalti pubblici da parte della ‘ndrangheta e delle
imprese ad essa contigue, segna l’ennesimo evidente manifesto di quanto ci sia da adoperarsi nelle amministrazioni pubbliche affinché si estirpi il male della corruzione dagli uffici e dalla politica”. É quanto afferma il presidente della Commissione contro la ‘ndrangheta del Consiglio regionale, Arturo Bova.
“Ferma restando l’autonomia dei giudici che saranno chiamati a pronunciarsi sull’impianto accusatorio e ferme restando le garanzie costituzionalmente sancite per gli indagati – prosegue – questa inchiesta conferma ancora una volta quale sia il giogo che opprime la nostra regione e le impedisce di svilupparsi in maniera normale. La politica e le amministrazioni locali hanno il dovere di sostenere con forza un percorso di vera trasparenza. Proprio in questa direzione, va il nuovo testo della legge regionale antimafia a cui in questi mesi abbiamo lavorato e che presto sarà discusso in commissione già il 30
gennaio prossimo e presto nelle altre commissioni e in consiglio regionale: i fondi europei e nazionali che sono arrivati in Calabria rappresentano una vera e propria sfida amministrativa che dobbiamo vincere”. “Questo nuovo testo unico, che mi auguro sarà presto realtà – conclude Bova – servirà proprio a fornire uno strumento di lavoro per tutte le amministrazioni calabresi perché con maggiore semplicità e linearità possano arrivare, ad esempio, alla definizione dei bandi per le opere pubbliche e alla loro
assegnazione secondo i più alti criteri di trasparenza e legalità”.

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.