Gio. Mag 6th, 2021

La prestigiosa onorificenza sarà consegnata dal Presidente del Club per l’UNESCO di Gioiosa Jonica, in una Cerimonia ufficiale, che si svolgerà sabato 10 giugno 2017 presso la sala delle “Adunanze” di Palazzo “Amaduri” di Gioiosa Jonica.

All’Ing. Plinio Corrado sarà consegnato l’importante riconoscimento da parte del Club per l’Unesco di Gioiosa Jonica, destinato alle persone nate o di origini calabresi che abbiano ottenuto speciali meriti per il lavoro svolto in vari paesi del mondo, distinguendosi.

 

Motivazione:

 

“Il Club per l’UNESCO di Gioiosa Jonica riconosce all’Ing. Plinio Corrado in modo inequivocabile il merito di avere contribuito con spirito di dedizione alla promozione e alla salvaguardia dell’arte, della cultura, dell’ambiente, della biodiversità, della salute umana operando in ambito mondiale a favore delle problematiche dell’acqua e della terra e della pace, promuovendo i settori della vita sociale e lavorativa e lo sviluppo economico della Nazione attraverso il proprio apporto personale e professionale”.

 

L’evento sarà realizzato nell’occasione per la presentazione del libro scritto dal notevole Ing. Plinio Corrado sabato 10 giugno 2017 nella Sala Adunanze di Palazzo “Amaduri” a Gioiosa Jonica con inizio ore 18,00.

Il libro dedicato al nonno paterno Rubens Corrado dal titolo: “I viaggi di Rubens” Rubbettino Editore, arricchito da pregiato materiale fotografico, che, rende il libro unico e personale anche nella copertina e soprattutto nella forma.

Il Libro:

Questo libro nasce come ricerca di un approdo in porti più sicuri, sulle tracce di personaggi di famiglia ormai spariti nel turbine del secolo scorso. Ed è su uno straordinario fondale nord-sud che si ritrova la storia di Rubens Corrado, ingegnere, grande viaggiatore e uomo di mondo. Della sua opera di progettista e costruttore rimangono, soprattutto al Lido di Venezia, numerosi esempi di edilizia residenziale, considerati ormai espressione del patrimonio liberty del primo Novecento.

L’Autore:

Plinio Corrado, ingegnere veneziano, da sempre ha ceduto al fascino di altre culture grazie ad incarichi nel quadro della Cooperazione internazionale che lo hanno portato a viaggiare ai confini del mondo, da Samarcanda a Tor Pignattara, all’Isola di Pasqua: un modo come un altro per cercare rifugio in quel che si dice l’altro di sé, che molto assolve e perdona.   Per nove anni ha seguito il conflitto israelo-palestinese, ma prima c’è stata l’Africa nera, poi la scoperta del Chaco e dei Paesi andini, e poi ancora Washington, Bruxelles, Ginevra e le alchimie dell’industria umanitaria. Una corsa nei labirinti del nostro tempo, ma sempre partendo dai problemi dell’acqua e della terra, e da come la gente ti apre la porta con un bicchiere.

 

Ing. Plinio CORRADO

  • Nato a Venezia nel 1938. Vive e lavora a Roma.

 

  • Laureato in ingegneria civile, si occupa fin dall’inizio di programmi di cooperazione internazionale, con permanenze di lungo periodo in paesi dell’Africa Sub-sahariana, Bacino del Mediterraneo, Medio Oriente, America Latina.

 

  • Fondatore e Senior Partner del gruppo EUROTEAM, Ufficio Studi e Consulting per la pianificazione e gestione di programmi per la promozione dello sviluppo.

 

  • Trent’anni di attività professionale per conto dei principali Istituti di Finanziamento Internazionale (Commissione Europea, BEI, Banca Mondiale, Agenzie specializzate delle Nazioni Unite, Ministero degli Affari Esteri).

 

  • Conoscenza degli strumenti di cooperazione UE e delle politiche di partnership verso i paesi Terzi, con particolare attenzione a progetti di Sicurezza Alimentare, Acqua e Salute, protezione delle risorse, eredità culturale, diritti umani.

 

  • Membro dei Comitati Tecnici di supporto ai negoziati di pace Israelo-palestinese (Multilateral Working Group on Refugees), Tunisi 1993, Roma 1994.

 

  • Esperto UE del Laboratorio LRRD (Emergenza/Riabilitazione/Sviluppo) con la partecipazione di USAID, ICRC (Croce Rossa internazionale), ODI, e delle principali Agenzie UN.

 

  • Consulente del Ministero degli Affari Esteri, DG Integrazione Europea.

 

  • Visiting Professor al Master internazionale IUAV di Venezia. Conduzione del corso Project-Programme Evaluation in Volatile Policy Environments, 2008-2009. Seminari su interventi di sviluppo sostenibile presso la Pontificia Università Lateranense, Roma 2013-2014.

 

Tra i principali lavori degli ultimi anni

  • East Africa (Kenya-Uganda-Somaliland). Istruzione di programmi di gestione delle risorse agricole e dei beni ambientali.

 

  • Valutazione di medio-termine del programma di ricostruzione e riassetto economico-istituzionale del territorio a seguito del conflitto israeliano del 2006.

 

  • Ex-Jugoslavia. Assistenza tecnica all’Agenzia Europea di Ricostruzione (EAR) per il passaggio da strutture dirigiste a economia di mercato.
  • Paesi ACP (Africa-Caraibi-Pacifico). Valutazione delle proposte di gara del programma comunitario Water & Energy Facility (€ 250milioni – 285 contratti attribuiti in 78 paesi).

 

  • Centro America (Nicaragua-Guatemala-Salvador-Honduras). Identificazione e valutazione del programma PRRAC – Piano di Riabilitazione e Ricostruzione a seguito dei disastri provocati dall’Uragano Mitch (contributo UE: € 256 milioni).

 

  • Paesi ALA/MED.. Valutazione globale della politica di post-emergenza e riabilitazione UE. Missioni pluri-disciplinari in paesi chiave del Medio Oriente e Sud-Est asiatico..

 

  • Territori Occupati della Cisgiordania e Gaza (Palestina).. Monitoraggio dei programmi di assistenza UE a istituti della società civile negli anni 1992-2000.

 

  • Paesi del Caucaso (Georgia, Armenia, Azerbaijan). Assistenza tecnica e monitoraggio per programmi di sicurezza alimentare nei territori post-sovietici.

 

  • Bolivia. Programma nazionale Acqua e Sanità, con interventi di riforma istituzionale e gestione sostenibile delle risorse (contributo UE: €50 milioni).

 

  • Programmi UE NSA/LA (Non-State-Actors / Local Authorities). Valutazione delle proposte di gara (Calls for Proposals) lanciate dalla Commissione per attivare dialogo e partnership pubblico-privato tra organi della società civile (Nord-Sud, Est-Ovest).

 

 

Gioiosa Jonica 18 maggio 2017

F.to Nicodemo Vitetta

Presidente Club per l’UNESCO

di Gioiosa Jonica

 

 

 

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.