Mer. Mag 12th, 2021

“Per impegni istituzionali questa sera, purtroppo, non potrò essere presente alla cerimonia di intitolazione della Biblioteca del Liceo Classico “B. Telesio” di Cosenza a Stefano Rodotà”.

E’ quanto afferma, in una nota, il Presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

“Me ne rammarico molto -prosegue Oliverio- perché Rodotà è stato un calabrese assai legato alla Calabria e alla città di Cosenza, in cui nacque e si formò e per cui ebbe sempre un interesse vivo e costante. Lo conobbi giovanissimo e da subito ne ebbi immensa stima e ammirazione.

Grande intellettuale, giurista fine ed autorevole, in più circostanze ebbi modo di apprezzarne le qualità umane e politiche e il suo impegno per l’affermazione dei diritti e a difesa dei ceti più deboli e del mondo del lavoro. Fu sempre in prima linea nelle mille battaglie per l’affermazione dei diritti civili. Contribuì notevolmente alla crescita della cultura giuridica moderna in Europa e sul piano internazionale per la affermazione dei diritti umani”.

“Il prof. Rodotà -aggiunge il Presidente Oliverio- è stato un grande uomo e uno dei figli più illustri della nostra terra a cui diede lustro ed onore offrendo uno straordinario contributo, unanimemente riconosciuto e apprezzato, al rinnovamento del Paese ed alla affermazione di una moderna  cultura delle relazioni sociali”.

“L’intitolazione della Biblioteca del liceo in cui studiò e conseguì la maturità nel lontano 1951 -conclude il Presidente della Giunta regionale- è il giusto e doveroso riconoscimento del mondo della scuola e della cultura calabrese ad una personalità che, per le sue alte qualità umane e culturali, deve diventare un faro, un modello, un punto di riferimento per le giovani generazioni calabresi che a lui devono guardare ed ispirarsi per ambire a traguardi sempre più alti e prestigiosi”. f.d.

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.