Aterp, commissariamento agli sgoccioli: il bilancio di Mascherpa

387

Imminente la pubblicazione del bando per individuare il dg. «Azienda solida». Musmanno ribadisce il rammarico per i fondi ex Gescal non più utilizzabili

«Il commissariamento di fatto può ritenersi concluso: è arrivato il tempo del bando ed è giusto che sia così». All’atto della consegna di 14 alloggi popolari a Catanzaro, il commissario dell’Azienda regionale per l’edilizia residenziale pubblica Ambrogio Mascherpa traccia una sorta di bilancio dell’attività alla guida dell’azienda nata dall’accorpamento delle cinque Aterp provinciali.

 

L’EREDITÀ La novità in arrivo, annunciata anche dall’assessore ai Lavori pubblici Roberto Musmanno nell’ultima seduta del consiglio regionale, è l’imminente pubblicazione del bando per individuare il dg dell’Aterp. «Consegniamo un’azienda che è solida», rimarca Mascherpa, secondo il quale «se non ci fossero stati i debiti ereditati dalle cinque Aterp provinciali avremmo un attivo notevole. E, soprattutto, consegniamo un’azienda molto più motivata, anche nella dirigenza e nel personale, e con l’entusiasmo giusto per portare avanti quella che è un’autentica missione: consegnare la casa a chi ne ha diritto».

IL “TESORETTO” Il commissario parla poi di notevoli passi in avanti rispetto al “caos” trovato al momento dell’insediamento nell’Aterp unica regionale. «Oggi – afferma – abbiamo dati positivi. Abbiamo completato il censimento delle nostre proprietà, a breve sarà pubblicato l’elenco di tutte le 45mile unità tra abitazioni e magazzini. Un patrimonio consistente la cui definizione è già un primo importante risultato. Poi, con la gestione unica dell’azienda in luogo delle cinque Aterp provinciali – prosegue Mascherpa – abbiamo ottenuto diverse economie, una maggiore armonizzazione delle procedure, un più puntuale calcolo dei canoni, in generale una gestione più omogenea degli alloggi. A breve porteremo in consiglio regionale il primo bilancio completo, quello del 2017, dal quale emergono dati confortanti sul piano del recupero della morosità e dell’abbattimento dell’abusivismo, ottenuto anche grazie protocolli di legalità come quello che abbiamo fatto su Catanzaro».

L’EMERGENZA FONDI Resta sul tappeto il problema dei problemi: «La situazione – osserva il commissario Aterp – è sempre piuttosto  complicata, perché non ci sono più i fondi strutturali, per questo per noi è importante mettere a reddito tutti gli alloggi della Calabria». Un tema che non sfugge neppure all’assessore regionale ai Lavori pubblici, Roberto Musmanno: «Ce la stiamo mettendo tutta, ma purtroppo non abbiamo potuto utilizzare 150 milioni di fondi ex Gescal perché, pur nella legittimità degli atti, precedenti amministrazioni regionali hanno preferito dirottare queste risorse verso altri destinazioni. Con quella somma di 150 milioni – rileva Musmanno – avremmo potuto fare molto di più: dobbiamo rimediare, e dobbiamo rimediare recuperando somme importanti perché gli interventi in tema di edilizia residenziale costano, ma c’è l’impegno della Regione a reperire altre risorse. Del resto, siamo già intervenuti in questa direzione e – conclude l’assessore – continueremo a intervenire».

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.