Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

ROCCELLA: SCOVATI I COLPEVOLI DELLE TRE INTIMIDAZIONI. GRAZIE AI CARABINIERI LA CITTADINA ESCE DAL CLIMA DI TERRORE.

1086

Questa volta è il caso di evidenziarlo, grazie allo straordinario lavoro investigativo dei Carabinieri sono stati risolti i tre casi delittuosi che avevano fatto piombare negli ultimi mesi la cittadina in un clima di terrore. Stamattina l’epilogo con l’arresto di G.C. meccanico di Roccella Jonica reo di aver incendiato l’automobile di Vincenzo Garuccio amministratore unico della Jonica Multiservizi srl, la società in house del comune che si occupa del servizio idrico integrato. L’uomo, che avrebbe confessato dopo il fermo, avrebbe agito contro Garuccio per vendetta poiché scartato dalla selezione per nuovi operai che la Multiservizi aveva indetto qualche mese addietro. L’uomo avrebbe utilizzato uno straccio imbevuto di benzina che avrebbe posizionato sotto la ruota. Nonostante la relazione negativa dei Vigili del Fuoco di Siderno sulla dolosità dell’incendio, i Carabinieri della stazione di Roccella Jonica comandata dal Maresciallo aiutante SUPS Francesco Nanni, seguendo il loro fiuto investigativo e dimostrando grande perizia, anche grazie all’ausilio delle immagini acquisite delle telecamere di sorveglianza, sono riusciti a risolvere il caso in pochissimo tempo.

L’altra buona notizia, riguarda l’atto contro la vetrina dell’attività commerciale di prossima apertura, anche lì i Carabinieri in meno di 48 ore avevano in mano il nome del colpevole, si tratterebbe di un  giovane di Roccella A.C. del 91, anche lui avrebbe successivamente confessato,  avrebbe agito nel tentativo di scoraggiare l’apertura dell’attività.

La terza buona notizia è che i Carabinieri della Stazione di Roccella J. avrebbero denunciato un uomo per l’incendio dell’escavatore della ditta che sta eseguendo i lavori nel lungomare cittadino. L’uomo avrebbe agito per vedere soddisfatte alcune sue richieste. Le indagini non sono concluse quindi tutto ancora rimane nel massimo riserbo. 

Giuseppe Mazzaferro | redazione@telemia.it

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.