IL MAGNATE DI MARINA DI GIOIOSA ROCCO COMMISSO SIGLA L’ACCORDO CON LA FIORENTINA

401

Come riporta il Corriere dello Sport sono ore decisive per il futuro della Fiorentina. Si è svolto, infatti, a Milano negli uffici della Tod’s il confronto decisivo tra la famiglia Della Valle e Rocco Commisso il magnate dei media italoamericano intenzionato ad acquistare la società viola. Poche ore ed è stata fumata bianca: accordo formalizzato davanti al notaio. Anche la Borsa ha accolto positivamente l’intesa con le azioni della Tod’s che guadagnano terreno. L’ultima offerta di Commisso era vicina ai 170 milioni di euro e l’impressione è che la chiusura sia avvenuta ad una cifra di poco inferiore. Sono previste nuove riunioni a Milano. Ma intanto Commisso ha fatto capire che non solo l’organigramma societario sarà rivoluzionato, ma anche gli accordi già fissati potrebbero decadere.
Rocco Commisso, 69 anni, è originario di Marina di Gioiosa Jonica in provincia di Reggio Calabria, è un uomo che si è fatto da solo. Dietro ad i suoi successi ed alla sua grande passione per il calcio c’è una storia di rivincita e di un’ostinata voglia di emergere. Grazie ad un concorso vinto da bambino, ed alla sua abilità con la fisarmonica, riuscì ad iscriversi al liceo privato, Mount Saint Michael Academy a New York. Da lì cominciò la scalata verticale di questo calabrese cresciuto nel Bronx.
La svolta arriva in seguito all’ingresso in una banca d’affari di Wall Street, la Chase Manhattan Bank, il primo italoamericano della storia ad entrarci. Nonostante fosse il miglior broker della banca con continuità veniva escluso ed emarginato a causa del suo essere italoamericano,tuttavia, lì conobbe il proprietario di Cablevision. Il gigante dei media lo portò via da Wall Street per farne il suo direttore finanziario e poi fondatore di Mediacom.
Una vita in salita cma costellata di successi e che oggi lo portano a reggere le redini anche della Viola.

ALESSANDRA BEVILACQUA|redazione@telemia.it

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.