SIDERNO (RC): L’IMPORTANZA DEL “RICORDO” IN UN CONVEGNO LIONS -FIDAPA

206

L’importanza della memoria è stata al centro di un interessante convegno organizzato dalla Fidapa di Siderno e dal Lions di Locri, presso l’ Hotel President di Siderno, in occasione delle manifestazioni per ricordare il 27 gennaio del 1945, che segnò la liberazione del primo lager nazista ad Auschwitz e la fine dell’olocausto per gli Ebrei. I lavori sono iniziati con un intervento di Angela Giampaolo, presidente della Sezione FIDAPA- BPW di Siderno, e di Giuseppe Ventra, presidente del Lions Club di Locri; che hanno anche ringraziato per la loro presenza Giuseppe Macrì Presidente Lions della Zona 26 e Patrizia Pelle Vice Presidente Distretto Sud-Ovest Fidapa BPW Italy, i quali hanno subito arricchito con opportune riflessioni, il tema della serata. Poi è stato Giuseppe Ventra autore dei testi “Un Calabrese a Mauthausen” e “Viaggio nella memoria”, che coadiuvato da un video costellato da immagini, foto, disegni, e scritti, ha offerto una testimonianza efficace di quell’epoca altamente drammatica per milioni di persone. Una relazione sentitacon impressioni trasmessegli dal padre Rocco Ventra, sopravvissuto al campo di Mauthausen, e rivissuta a posteriori col “viaggio nella memoria”, avendo voluto, negli anni scorsi egli stesso compiere con la sorella un apposito viaggio per visitare i luoghi della sofferenza del padre negli anni tra il 1943 e il 1945. Poi è stato Vincenzo Tavernese, studioso appassionato di filosofia, a tratteggiare le varie fasi di un altro libro, poi interloquito con l’Autore, dal titolo “SHOAH : La cintura del Male” di Antonio Masullo. L’argomento è stato oggetto di alcune letture significative da parte della voce narrante di Davide Gravanti, studente del Liceo Classico di Locri, e dello stesso Antonio Masullo che ha spiegato alcune parti importanti del proprio testo, su cui ha svolto – ha precisato – parecchie ricerche storiche e memoriali, ma che ha voluto esprimere in forma di romanzo e non di saggio storico e né di cronaca giornalistica. Lo scrittore attraverso vari excursus di personaggi famosi nazisti (Goering, Goebbels, Hess, Eichmann, Himmler), ha ripercorso tappe della seconda guerra mondiale e si è soffermato sulla svastica di Hitler, sui misteri del castello di Wewelsburg dove spesso risiedeva il Fuhrer con i suoi più fedeli e sui relativi agganci a credenze esoteriche antiche e recenti, esprimendo opinioni sugli interrogativi che tanti fatti hanno lasciato. Un convegno, per certi versi diverso dai e forte soprattutto di testimonianze dirette che hanno particolarmente coinvolto il folto pubblico presente.

ARISTIDE BAVA

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.