ARACRI (AMBASCIATORE DELLA CALABRIA): RINVIO MIDO, DURO COLPO NELLA FILIERA, LAVORANO OLTRE 20 MILA PERSONE

182

Il Mido è un evento centrale dell’economia italiana. Conta su circa 1300 espositori a Milano e sono oltre 68mila le presenze annuali. Con un grande senso di responsabilità le imprese hanno deciso di spostare l’evento che si svolgerà probabilmente dal 5 al 7 luglio. «Il nostro comparto dà lavoro a 20mila dipendenti. Un settore chiave del ‘Made in’ e del sistema economico italiano. Abbiamo agito quindi con responsabilità. Ma vorrei dire chiaramente che non è facile essere identificati a livello planetario come portatori del Coronavirus. Non è facile spiegare la situazione a fornitori ma anche a migliaia di clienti in tutto il mondo. Usando l’allarmismo al posto di una comunicazione razionale si danneggiano aziende e posti di lavoro. Le istituzioni devono tenere ben presente questa cosa e non giocare con l’emergenza». Lo ha dichiarato Michele Aracri, Ad del gruppo De Rigo Vision nonché “Ambasciatore della Regione Calabria”, intervistato da Ida Baldi per Rai News 24.

ARACRI (DE RIGO): IMPOSSIBILE FARE RIUNIONI ALL’ESTERO, TEMONO CONTAGIO

«I nostri clienti, i nostri operatori, in questo momento non se la sentono di venire a lavorare e di venire a visitarci qua in azienda. Fanno fatica anche a ricevere le visite dei nostri commerciali. Ieri, per dare un esempio, il nostro team doveva partire per Barcellona perché abbiamo fatto una importante sponsorizzazione con un’azienda estera e non siamo potuti partire perché i nostri partner hanno paura del contagio». Lo ha dichiarato Michele Aracri, Ad del Gruppo De Rigo Vision nonché “Ambasciatore della Regione Calabria”, intervistato da Ida Baldi per Rai News 24.

Aracri (De Rigo): Business rallentato dall’emergenza

«I problemi noi abbiamo cominciato a viverli già ai primi di gennaio, quando l’epidemia è scoppiata in Cina. Noi in Cina abbiamo un’importante struttura commerciale così come  in Giappone, in Corea e a Hong Kong. È da gennaio che non vendiamo in Cina e non vendiamo in tutti quei Paesi dove c’è grande movimento di turisti giapponesi. Parliamo di turisti ‘altospendenti’: sono i turisti che piacciono al consumatore e al prodotto Made in Italy. In quell’area noi non facciamo business già da due mesi. Anche a livello italiano abbiamo declinato tutte le misure di sicurezza e i protocolli previsti nei nostri stabilimenti. Ma una simile situazione di incertezza e di panico non può reggere a lungo». Lo ha dichiarato Michele Aracri, Ad del Gruppo De Rigo Vision nonché “Ambasciatore della Regione Calabria”, intervistato da Ida Baldi per Rai News 24.

ARACRI (DE RIGO): ISITUZIONI CONSENTANO A IMPRENDITORI DI CIRCOLARE

«Abbiamo bisogno delle istituzioni affinché si impegnino per tenere aperti gli accessi in modo che noi possiamo viaggiare, andare a visitare i nostri clienti all’estero. Se non vendiamo è difficile far lavorare il nostro personale e noi ci teniamo alla sicurezza ma anche a mantenere il posto di lavoro per la gente che lavora per noi, sono oltre 3000 persone solo in Europa». Lo ha dichiarato Michele Aracri, Ad del Gruppo De Rigo Vision nonché “Ambasciatore della Regione Calabria”, intervistato da Ida Baldi per Rai News 24.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.