Mer. Apr 14th, 2021

La procedura affidata al capo del settore Politiche del territorio Gli interventi sono stati ufficialmente ultimati ad ottobre scorso

La realizzazione dell’impianto sportivo si porta appresso la bellezza di 11 anni d’attesa

Palazzetto dello Sport, qualcosa si muove. Con una recente determinazione sono state create le premesse per il collaudo dell’opera, già realizzata da parecchi mesi in contrada Condassondolo ma ancora non attivata.

Da quanto si evince dalla determina, il collaudo non poteva essere effettuato dall’ing. Pietro Fazzari in quanto “ai sensi dell’art. 216 del DPR 207/2010, che disciplina il collaudo tecnico-amministrativo dei lavori, il comma 7 lett. c) prevede che non possono essere affidati gli incarichi di collaudo a coloro che hanno svolto o svolgono attività di controllo, progettazione, approvazione, autorizzazione, vigilanza o direzione dei lavori da collaudare”; E dato che l’ing. Fazzari, responsabile del settore Lavori pubblici del Comune ha di fatto svolto attività di approvazione e autorizzazione nei lavori da collaudare del citato Palazzetto dello Sport, si è reso necessario procedere alla revoca dell’incarico relativamente al collaudo tecnico-amministrativo già a lui affidato e affidarlo ad altro tecnico “al fine di procedere all’attività di collaudo della struttura comunale”.

Cosa che è stata, appunto, fatta con la recente determina con la quale è stato affidato ” l’incarico di collaudo tecnico-amministrativo dei lavori di costruzione palazzetto dello sport in località Condassondolo all’arch. Nicola Tucci, responsabile del settore Politiche del Territorio”.

La realizzazione del Palazzetto dello Sport di Siderno si porta appresso la bellezza di 11 anni di attesa visto che l’approvazione del progetto preliminare redatto dall’ex responsabile tecnico del Comune, ing. Vincenzo Errigo (oggi in pensione) risale al 15 dicembre del 2009 e venne allora redatto per un importo complessivo di poco meno 3 milioni di euro (esattamente 2.710.300).

Nel dicembre del 2016 si diede l’avvio all’indizione di una procedura aperta per l’affidamento dei lavori, con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa e, dopo ulteriori peripezie burocratiche, il 12 aprile del 2018 i lavori furono aggiudicati alla Rti “Parisi Antonio e altri” per un importo di 1.730.000 euro compresi gli oneri di sicurezza ed escluso Iva.

Secondo quanto risulta dal verbale di consegna “i lavori sono stati ultimati in data 28 ottobre 2020″.

Adesso la determina che sostituisce, necessariamente, per i motivi di legge sopraesposti l’ing. Fazzari con l’arch. Tucci, rappresenta il nuovo tassello che dovrebbe portare all’inaugurazione della struttura.

Il nuovo Palazzetto dello Sport , dotato di platea e tribuna, prevede la praticabilità di vari sport tra i quali pallacanestro, basket e minibasket, pallavolo, tennis, calcetto, ed è dotato di spogliatoi, vani Ttecnici e varie strutture similari realizzate in blocchi indipendenti.

Tanti intoppinell’iter burocratico

Palazzetto dello Sport: l’approvazione del progetto definitivo risale al 5 gennaio 2010 ma l’iter burocratico, dopo una partenza abbastanza veloce, cominciò a subire intoppi di vario genere tanto che, dopo una prima assegnazione dei lavori avvenuta nel 2011, fu necessario procedere nel 2016 alla risoluzione del contratto di appalto ed a provvedere finanche all’approvazione di un nuovo progetto esecutivo, avvenuta in data 2 marzo 2016 sempre a cura dell’allora responsabile del settore Lavori pubblici, per un importo complessivo di 2.710.500 euro con i seguenti finanziamenti: fondi Prusst per 1.291.124,24 euro; contributo provincia di 380.000 euro; mutuo Cassa Depositi e Prestiti per 1.039.375,76 euro.

ARISTIDE BAVA

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.