Mar. Apr 20th, 2021

Proclamata una giornata di sciopero delle reperibilità

Per quanto possa apparire paradossale in un settore in crescita e sempre più fondamentale per lo sviluppo come quello dell’informatica – affermano Tonino Russo, Segretario generale della CISL calabrese e Ciro Bacci, Segretario generale della FIM-CISL Calabria –, Almaviva Spa, azienda operante in tutto il Paese, chiude al confronto con le organizzazioni dei lavoratori e intende procedere unilateralmente sull’aumento dell’orario di lavoro e la diminuzione del salario contrattato, abolendo la parte fissa del PDR (a giugno) e assorbendo i tre quarti degli aumenti contrattuali stabiliti dal CCNL. E sullo Smart Working, in cui è attualmente impegnato oltre il 90% dei dipendenti, l’azienda dichiara l’intenzione di diminuire il valore del buono pasto, negando ogni apertura anche sulle dotazioni tecnologiche e strumentali necessarie per quel lavoro che i dipendenti stanno garantendo nella situazione di emergenza sanitaria ed economica che l’Italia, l’Europa e il mondo intero stanno vivendo.https://www.facebook.com/v2.0/plugins/quote.php?app_id=378505432197728&channel=https%3A%2F%2Fstaticxx.facebook.com%2Fx%2Fconnect%2Fxd_arbiter%2F%3Fversion%3D46%23cb%3Df37b327a60901f8%26domain%3Dwww.approdocalabria.it%26origin%3Dhttps%253A%252F%252Fwww.approdocalabria.it%252Ff3d07ac25a9fad4%26relation%3Dparent.parent&container_width=970&href=https%3A%2F%2Fwww.approdocalabria.it%2Fgiornale%2F%3Fp%3D386456&layout=quote&locale=it_IT&sdk=joey

Di fronte all’intenzione di Almaviva Spa di non rispettare accordi sottoscritti, le OO.SS. hanno dichiarato uno sciopero delle reperibilità, degli straordinari e di 8 ore per una giornata nella prossima settimana, uno sciopero che riguarderà anche la Calabria.

I lavoratori, che hanno contribuito in maniera significativa, con il loro impegno e con sacrifici che hanno investito l’aspetto salariale, a superare una fase di crisi che ha segnato negli anni scorsi il percorso di Almaviva Spa, invitano l’azienda a riflettere sul valore delle relazioni industriali e di un confronto che in un passato anche recente si è rivelato positivo e produttivo di buoni risultati. Le contrapposizioni sterili – concludono Russo e Bacci – rischiano di generare fasi conflittuali difficilmente ricomponibili che, in questo momento di grave difficoltà della nostra regione dell’intero Paese, non giovano a nessuno».

TAGS

ciro baccitonino russo

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.