Mar. Mag 17th, 2022

“In vista del precipizio politico ed elettorale che li attende il 12 giugno, al comitato elettorale di Nicola Fiorita non rimane che arrampicarsi sul binomio ‘comando-ubbidienza’, evidentemente a loro più affine, visto che se a Catanzaro c’è un candidato sindaco imposto da Roma, risultato dell’accordo romano Pd – Cinquestelle, quello non è certo il prof. Valerio Donato. Il quale, per autorevolezza professionale e storia personale, non si fa comandare da Boccia né da nessun altro leader nazionale, ma è occupato esclusivamente a seguire, con la massima autonomia di pensiero e azione e senza alcun timore delle diversità, il percorso intrapreso dal Laboratorio civico-politico ‘Rinascita’, sostenuto da dieci liste e nato per fermare il declino della politica catanzarese e rinvigorire il diritto dei cittadini alla partecipazione delle scelte pubbliche”. E’ quanto si afferma in una nota del Comitato Valerio Donato Sindaco che replica alle affermazioni del Comitato Nicola Fiorita Sindaco circa alcune frasi del presidente del Consiglio regionale Filippo Mancuso dette in un incontro elettorale a Botricello. “Della coerenza e linearità di questo movimento di uomini e donne – è detto nella nota – il prof. Donato è il più rigoroso garante di fronte ai cittadini. Il nostro unico pensiero, adesso e da qui al voto, è parlare ai catanzaresi di problemi e soluzioni, senza infingimenti e spazzatura ideologica. Noi vogliamo cambiare il modo di amministrare la cosa pubblica. E il nostro progetto, che non ha succubi e dominanti, è aperto a chiunque voglia sedersi dalla parte delle ragioni dei cittadini”.

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI