Sab. Feb 24th, 2024
smart

Lo scorso 8 settembre con un apposito comunicato stampa Anas informava di avere programmato il ripristino della pavimentazione lungo la statale 106 Var/B “Jonica”. Il tratto interessato dagli interventi, riguardava un risanamento profondo della pavimentazione stradale,  compreso tra i territori comunali di Marina di Gioiosa Ionica, Grotteria a Mare, Siderno e Locri.

Continua dopo la pubblicità...


Calura
Testata
AmaCalabria-Banner22-23Febbraio
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

A tal fine , si leggeva nel comunicato, per consentire l’esecuzione degli interventi, da lunedì 12 e fino al 30 settembre, veniva disposta la chiusura al traffico della carreggiata sud – in direzione Reggio Calabria –  tra i km 16,200 e 5,800.

In effetti, per tutto questo periodo, e siamo al 20 di ottobre, il traffico veicolare in direzione sud Reggio Calabria, con molti disagi a dire la verità,  è stato deviato lungo la strada statale 682 “Ionio Tirreno” nel tratto compreso tra il km 35,700 e il km 38,250 e sulla strada statale 106 ‘Jonica’, dal km 107,000 al km 97,870.  Ormai sono quasi 45 i giorni di chiusura dei 12 chilometri della variante 106 bis,  se non è record di lentezza,  poco ci manca.

In questo lungo periodo sono stati numerosi i disagi per gli automobilisti ma soprattutto per le ambulanze provenienti dall’area nord della Locride o dalla Piana, costrette ad attraversare i semafori dei centri abitati con notevole aumento dei tempi di percorrenza verso l’ospedale di Locri.

Ad essere penalizzati sono tutti i residenti dei comuni della Locride e in particolare  i residenti nei paesi della vallata del Torbido e dello Stilaro ma anche tutti coloro i quali, per lavoro o per studio, debbono obbligatoriamente garantire la loro presenza negli uffici o nelle scuole .

A complicare le cose anche la chiusura del percorso alternativo lungo due chilometri e mezzo parallelo alla 106 che collega Siderno a Locri. Un disastro. Il tutto nell’indifferenza generale dei sindaci, la cui associazione è ferma da 5 mesi e di Anas stessa che non informa le comunità con una data ipotetica di possibile riapertura.

Ad oggi, infatti, non è dato sapere quando la strada sarà riaperta alla circolazione. Ma quanto si dovrà ancora attendere?

Antonio Tassone ecodellalocride.it

Print Friendly, PDF & Email