Dom. Feb 25th, 2024

In una nota il Governatore Roberto Occhiuto, nella qualità di Commissario regionale alla sanità smentisce la notizia dello “storno” dei fondi INAIL per gli ospedali. Spiegando che le strutture debbono essere di proprietà dell’ente assicurativo per poter usufruire del finanziamento. I sindaci della locride non ci stanno e ribadiscono la loro seria preoccupazione per quanto accaduto. A prendere le distanze dagli altri primi cittadini è stato il sindaco di Locri Giovanni Calabrese che sostiene la tesi del presidente Occhiuto. Ecco la nota integrale del Governatore:

Continua dopo la pubblicità...


Calura
Testata
AmaCalabria-Banner22-23Febbraio
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

“Non facciamo confusione.
Da qualche giorno circola la fake news secondo la quale la Regione avrebbe deciso di tagliare finanziamenti Inail – previsti da un recente Dpcm del governo nazionale – per la ristrutturazione e l’ammodernamento di alcuni ospedali: Locri, Melito Porto Salvo, Castrovillari, Cetraro e Paola.
Chiariamo subito una cosa: nessuno di questi ospedali perderà un euro, anzi, forse qualcuno riuscirà ad avere di più. La Regione ha semplicemente razionalizzato e messo ordine tra le fonti di finanziamento disponibili.
Non per tutti, infatti, è possibile accedere ai fondi Inail, per il semplice motivo che questo istituto può intervenire solo per strutture di sua proprietà, quindi per edifici nuovi o avuti tramite un trasferimento di beni.
Per gli altri la Regione Calabria ha in pancia fondi statali (ex articolo 20) pari a circa 320 milioni di euro, che verranno programmati sulla base del quadro di riferimento strategico e delle priorità di intervento, anche in attuazione del quadro di riferimento normativo e programmatico del Pnrr.
Al riguardo, tutte le esigenze finanziarie che emergeranno dalla nuova programmazione della rete ospedaliera per adeguare i presidi di Locri, Melito Porto Salvo, Castrovillari, Cetraro e Paola verranno coperti dalle risorse statali disponibili”.

Print Friendly, PDF & Email