Lun. Dic 11th, 2023

Seduta tesa davanti al Gup. Familiari e amici di Davide in aula, più volte sospeso il dibattimento fino al rinvio.  Si teme per la vita di del giovane, da mesi in coma

Continua dopo la pubblicità...


Testata
RistoroViandante
AmaCalabria
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

L’udienza preliminare è stata rinviata al 3 aprile e le condizioni di Davide Ferrerio, aggredito a Crotone ad agosto, non sarebbero migliorate. Permane da mesi lo stato di coma che sarebbe ormai irreversibile e si tema per la vita del ragazzo, ricoverato all’ospedale Maggiore di Bologna. 

Accusato del suo pestaggio, che sarebbe avvenuto per uno scambio di persona, il 22enne Nicolò Passalacqua, mentre una minore, sua madre e il compagno di quest’ultima dovranno rispondere di concorso anomalo in tentato omicidio. 

Ieri, davanti al Gup, è comparso il principale imputato durante una udienza dolorosissima: familiari e amici di Davide hanno indossato una maglia con la scritta “Giustizia per Davide” e si sono susseguiti momenti di tensione, tanto che il giudice ha più volte sospeso il dibattimento fino al rinvio. 

Il gup ha accolto l’istanza degli avvocati della famiglia Ferrerio per verificare le condizioni del ragazzo il cui coma sarebbe irreversibile nonostante un’attività cerebrale ancora presente. Nel caso di morte cerebrale l’accusa sarebbe modificata in omicidio aggravato. 

Nel procedimento, i Comuni d Bologna e Crotone si sono costituiti parte civile. 

L’aggressione per scambio di persona

Davide Ferrerio è in coma dalla sera dell’11 agosto scorso, quando è stato inseguito e poi aggredito violentemente, secondo la Squadra mobile, da Nicolò Passalacqua che lo avrebbe scambiato per un rivale in amore. 

Davide, in vacanza a Crotone, sarebbe quindi incappato in una spedizione nei confronti di un 31enne che avrebbe rivolto le sue attenzioni nei confronti della 17enne, amica dell’imputato, anche lei rinviata a giudizio per concorso anomalo in tentato omicidio, insieme alla madre e al compagno di lei che avrebbero orchestrato l’incontro. 

Da quanto è emerso, il 31enne avrebbe dato indicazioni alla ragazza di indossare una maglietta bianca, come lo sfortunato Davide. Grande tifoso del Bologna, per lui si sono mobilitate anche le curve rossoblù. 

Print Friendly, PDF & Email