Mar. Apr 16th, 2024

Al PRESIDENTE del
CONSIGLIO COMUNALE
di SIDERNO

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

I sottoscritti consiglieri comunali appartenenti al gruppo “SIDERNO2030” ed al gruppo “LA NOSTRA MISSIONE” sottopongono alla discussione ed approvazione del Consiglio Comunale di Siderno la seguente
MOZIONE (art. 44 Regolamento Consiglio Comunale)

Il Consiglio Comunale di Siderno si è riunito in seduta ordinaria per una attenta ricognizione della situazione degli Istituti Scolastici Superiori storicamente presenti in città in vista delle scelte che a breve la Città Metropolitana di Reggio Calabria dovrà effettuare con riferimento al “dimensionamento” delle scuole .
In particolare il desolante quadro che emerge dall’esame della situazione relativa alla densità scolastica correlata alla decrescita demografica e alle condizioni edilizie degli immobili in cui si trovano gli istituti superiori presenti nel comune, unitamente alla norma circa il numero minimo necessario per poter mantenere un Dirigente titolare e un DSGA attualmente fissato in 600 alunni ma con la prospettiva di essere elevato a breve a 900/950 unità, certamente non fa ben sperare.
Infatti qualora l’attuale tendenza alla denatalità venisse confermata, come a detta degli esperti verrà confermata, tutti gli istituti superiori sidernesi (Istituto Tecnico Commerciale – Istituto Professionale per l’Industria e l’Artigianato – Istituto Tecnico per Geometri e Liceo Artistico ) potrebbero rimanere sottodimensionati ed essere accorpati ad altri istituti o nella migliore delle ipotesi, rimanendo sottodimensionati, gli stessi potrebbero essere affidati ad un Dirigente scolastico “ a reggenza”, cioè a un Dirigente già titolare di un incarico presso un istituto dotato di un numero sufficiente di alunni
Non v’è dubbio, che un’ipotesi del genere sarebbe oltremodo penalizzante per gli istituti in questione, i quali perderebbero la personalità giuridica e l’autonomia amministrativa con tutto ciò che comportano tali perdite in termini di organizzazione e di qualità dell’offerta formativa per la nostra città e per l’intero nostro territorio.
Ritenendo che il centro più popoloso della Riviera dei Gelsomini abbia il diritto e il dovere di preservare la presenza nell’ambito del proprio territorio degli Istituti Scolastici esistenti, perno cruciale del tessuto socio-economico della Città, onde incentivare la creazione di filiere formative che si possano incontrare con le esigenze professionali e lavorative della nostra Regione e non solo, il Consiglio Comunale auspica che la Città Metropolitana di Reggio Calabria, autorità competente in materia, vorrà porre in essere tutti quegli atti volti alla creazione di un polo scolastico Artistico -Tecnico-Professionale autonomo che, sulla scorta degli alunni iscritti per l’anno scolastico 2022/2023, compresi quelli dei corsi serali, potrebbe contare su un numero di allievi pari a circa 1.600 unità.
Tale circostanza preserverebbe per gli anni futuri il polo scolastico di cui oggi si chiede l’istituzione dal rischio di scendere sotto la soglia necessaria per il mantenimento della titolarità della Dirigenza (anche a fronte del previsto progressivo calo di iscritti) e scongiurerebbe la possibilità che vengano effettuate ulteriori spoliazioni attraverso accorpamenti con istituti presenti in altri comuni.
Pertanto il Consiglio Comunale impegna il Sindaco e l’Amministrazione Comunale di Siderno a voler chiedere con forza alla Città Metropolitana di Reggio Calabria l’accorpamento dei quattro istituti storicamente e tradizionalmente appartenuti alla Città di Siderno, quali il Liceo Artistico, l’Istituto Tecnico per Geometri “Pitagora”, l’Istituto Tecnico Commerciale “G. Marconi” e l’IPSIA, in un unico polo scolastico Artistico-Tecnico-Professionale, onde evitare nell’immediato futuro un ulteriore depauperamento, per non dire spoliazione, delle istituzioni scolastiche nate a Siderno negli anni tra il 1950 ed il 1970.
Tutto ciò assicurerebbe il mantenimento della personalità giuridica e l’autonomia amministrativa del realizzando polo scolastico, garantendo in tal modo al centro più popoloso della costa Jonica, quella crescita culturale necessaria per una città come Siderno che aspira a riconquistare il ruolo di guida dell’intero comprensorio.

Siderno, 10 luglio 2023

Print Friendly, PDF & Email