Ven. Feb 23rd, 2024

La nota stampa di Francesca Frachea, Capogruppo di Fratelli d’Italia nel Consiglio Comunale di Gioia Tauro sulle linee “Taurensi”

Come Capogruppo di Fratelli d’Italia nel Consiglio Comunale di Gioia Tauro, dichiaro la mia ferma contrarietà alla conversione delle linee ferroviarie “Taurensi” in una pista ciclabile. Questa prospettiva, non solo sminuisce un patrimonio storico, ma ignora una necessità vitale di mobilità per il territorio della Piana di Gioia Tauro, privando studenti e lavoratori – tra cui molti portuali – di un servizio essenziale“. Lo si legge in una nota stampa di Francesca Frachea, Capogruppo di Fratelli d’Italia nel Consiglio Comunale di Gioia Tauro.

Continua dopo la pubblicità...


Calura
Testata
AmaCalabria-Banner22-23Febbraio
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

La decisione presa più di dieci anni fa di sospendere il servizio su queste linee ferroviarie ha creato un vuoto significativo nella rete di trasporto pubblico che ancora oggi attende di essere colmato. In un incontro il 13 luglio del 2022 con l’Ing. Ernesto Ferraro, Direttore delle Ferrovie Calabro – Lucane, abbiamo evidenziato i benefici che il rilancio e il potenziamento delle linee “Taurensi” avrebbero potuto portare, prospettive che Fratelli d’Italia sostiene fermamente“, prosegue la nota.

Il nostro partito è fortemente impegnato nella difesa e nella promozione di una mobilità che sia al passo con i tempi, che risponda alle esigenze dei cittadini e che supporti lo sviluppo economico della Piana di Gioia Tauro – si legge ancora -. È per questo che sollecito un incontro con il Presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, per discutere di strategie di trasporto pubblico che siano coerenti con questi principi“.

Fratelli d’Italia si impegna a perseguire soluzioni che valorizzino il nostro territorio e la vita quotidiana dei suoi abitanti, promuovendo una politica di trasporto che tenga conto dell’efficienza, della sostenibilità e del progresso“, conclude.

Print Friendly, PDF & Email