Dom. Feb 25th, 2024
Dopo 19 giorni, il mare continua a restituire effetti personali dei migranti e oggetti legati alla tragedia avvenuta il 26 febbraio sulla spiaggia di Steccato di Cutro in Calabria, 16 marzo 2023. ANSA/Francesco Ceraudo

Provvedimento notificato nel carcere di Lecce, dov’era detenuto

Continua dopo la pubblicità...


Calura
Testata
AmaCalabria-Banner22-23Febbraio
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Éstato completato a livello investigativo il quadro delle responsabilità connesse al naufragio del barcone carico di migranti avvenuto il 26 febbraio scorso davanti alla spiaggia di “Steccato” di Cutro in cui morirono 94 persone, 35 delle quali minorenni, e che provocò anche una decina di dispersi.

Le persone che riuscirono a salvarsi furono 79.
    La Squadra mobile e la Sezione operativa navale della Guardia di finanza di Crotone hanno arrestato, infatti, il sesto ed ultimo scafista dell’imbarcazione che naufragò dopo avere sbattuto contro una secca.

Si tratta di una persona che era già detenuta nel carcere di Lecce perché coinvolta nell’operazione “Astrolabio” condotta nel gennaio del 2022 dal Gico della Guardia di finanza della città pugliese. All’uomo, di nazionalità siriana, è stata notificata un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Crotone su richiesta della Procura della Repubblica. I reati che gli vengono contestati sono favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, naufragio colposo di imbarcazione adibita a trasporto di persone e morte come conseguenza del delitto di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.
    Uno degli scafisti, di nazionalità turca, fu fermato nell’immediatezza del naufragio, mentre un secondo, anch’egli turco, fu arrestato successivamente in Austria. Altri tre scafisti, due pachistani ed un altro turco, sono stati bloccati nel prosieguo delle indagini.
    All’identificazione del sesto scafista gli investigatori sono giunti, oltre che sulla base di alcune acquisizioni probatorie, attraverso il suo riconoscimento da parte di alcuni dei migranti sopravvissuti.

Print Friendly, PDF & Email