Ven. Feb 23rd, 2024

L’Amministratore delegato di Stretto di Messina Pietro Ciucci risponde alle accuse dell’onorevole Bonelli

Continua dopo la pubblicità...


Calura
Testata
AmaCalabria-Banner22-23Febbraio
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Non comprendo la posizione dell’onorevole Bonelli – ha dichiarato l’Amministratore delegato di Stretto di Messina Pietro Ciucci -. Ci ha chiesto di avere copia di un lavoro non ancora completato, la relazione del progettista di aggiornamento del progetto definitivo. Abbiamo spiegato quale sia il percorso previsto dalla legge. Gli ho personalmente confermato la disponibilità ad un incontro diretto per poter illustrare meglio le attività in corso della Società, e per tutta risposta l’onorevole Bonelli ha fatto ricorso alla Commissione per l’Accesso”. 

“Da un lato afferma e si meraviglia nel dire che sono poche nove settimane per aggiornare un progetto e al contempo si sorprende se la Stretto di Messina precisa che stiamo ancora lavorando su quest’aspetto. Ci terrei inoltre a precisare che il progetto definitivo del ponte rappresenta i massimi standard di ingegneria, tutti i ponti sospesi a grande luce si rifanno al Messina Style. E’ stato oggetto di un complesso iter di verifica per il quale sono stati strutturati e sviluppati dalla società Stretto di Messina processi di verifica, controllo, validazione, mai realizzati prima in Italia nell’ambito della progettazione delle opere pubbliche che ha coinvolto i massimi esperti mondiali, con controlli indipendenti. La stessa procedura la stiamo adottando per l’esame della Relazione del Progettista e del complesso di elaborati in aggiornamento. Non appena completato e verificato l’aggiornamento, il progetto come fatto anche in passato, sarà reso pubblico”, precisa Ciucci.

Bonelli aveva affermato che la Società Stretto di Messina “nega gli atti, ci nega la relazione sul progetto, un fatto di una gravità inaudita. Abbiamo provveduto a fare la diffida all’amministratore delegato Ciucci, ci ha risposto a questa diffida dicendoci che sostanzialmente attende che organismi come la commissione di garanzia del parlamento dirà se possiamo averla o no”.

Print Friendly, PDF & Email