Mar. Apr 16th, 2024

Nelle ultime ore, le Squadre Anas sono impegnate nel garantire la transitabilità e la sicurezza, con mezzi sgombraneve e spargisale, lungo i tratti interessati dalle precipitazioni nevose.

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

L’ondata di maltempo ha interessato soprattutto le tratte di montagna, in particolare la statale la statale 108 Bis nel territorio di Rogliano (CS), il tratto dell’Altopiano Silano lungo la statale 107 ‘Silana Crotonese (CS) e lungo la 572 ‘Di Monte Cucco e Monte Pecoraro’ (EX SS110) a Serra San Bruno (VV).

Anas ricorda che fino al 15 aprile è in vigore l’obbligo di catene a bordo o pneumatici invernali sulle strade statali maggiormente esposte al rischio di precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio. Ciclomotori e motocicli sono esenti dall’obbligo e potranno circolare solo in assenza di precipitazioni nevose in atto e in assenza di neve o ghiaccio su strada.

Anas, società del Polo Infrastrutture del Gruppo FS Italiane, ricorda che quando guidi, Guida e Basta! No distrazioni, no alcol, no droga per la tua sicurezza e quella degli altri (guidaebasta.it). Per una mobilità informata l’evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile anche su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all’applicazione “VAI” di Anas, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Il servizio clienti “Pronto Anas” è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito 800.841.148.

AVVIATI GLI INTERVENTI LUNGO LA SS18 ‘TIRRENA INFERIORE’ A NOCERA TERINESE, IN PROVINCIA DI CATANZARO
lungo il tratto interessato dal crollo di una parte della statale a causa delle forti mareggiate

Catanzaro, 9 gennaio 2024

Anas ha avviato gli interventi di ripristino strutturale lungo il tratto della statale 18 ‘Tirrena Inferiore’ a Nocera Terinese, in provincia di Catanzaro.

Il tratto è temporaneamente interdetto al transito dei mezzi pesanti superiori alle 3,5 tonnellate, in entrambe le direzioni, in via precauzionale e per consentire l’esecuzione delle attività in piena sicurezza, tra il km 350,000 ed il km 360,100.

Gli interventi, nel dettaglio, riguardano il posizionamento di massi ‘ciclopici’ per la protezione dell’infrastruttura stradale dall’azione erosiva del mare e il ripristino della scarpata.

Print Friendly, PDF & Email