Mar. Apr 16th, 2024

Buongiorno Siderno, ci siamo svegliati oggi con la speranza che, nonostante tutto, il paese si può salvare.

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Questa è la sensazione che oggi hanno provato le 28 persone presenti, ieri sera, alla riunione convocata da Siderno 2030 e Siderno la Nostra Missione, soprattutto per la massiccia presenza a per la qualità degli interventi e degli elementi di discussione emersi. 

Il primo elemento dell’ampia discussione è la sensazione di allarme che si avverte in città per il degrado diffuso e per l’evidente incapacità politica e amministrativa della giunta Fragomeni.

Una preoccupazione tangibile, che si legge pure negli occhi della gente che incontriamo per strada. 

Sentimento presente ieri sera in tutti i partecipanti alla riunione.

Forte preoccupazione per i bilanci comunali costruiti più su dati virtuali che reali, l’esecutivo parla di prudenza per giustificare la totale assenza di progettualità, la verità è che quelle che l’amministrazione chiama scelte, come la creazione di ben 3 posizioni apicali all’interno della struttura burocratica, in realtà potranno portare ad un nuovo e più doloroso dissesto finanziario dell’ente.

Tutte le tariffe delle tasse comunali in questo momento sono state portate al massimo possibile, senza nessuna distinzione e spesso con errori a discapito dei cittadini. 

Per non parlare dei concorsi sui quali l’opposizione ha scritto che il Comune di Siderno sembrerebbe essersi trasformato in uno specialissimo Ufficio di Collocamento e che ancora aspetta una risposta politicamente accettabile, dopo svariati mesi e dopo molte sollecitazioni anche scritte, si sono limitati a leggere in Consiglio una sorta di giustificazione scritta in puro stile burocratico… 

Ancora più preoccupante sembra, inoltre, la gestione dei lavori del Consiglio Comunale che sembra guidata da una volontà a chiudere ogni discussione, a non stimolare nessun dibattito politico, nessuna partecipazione attiva, sembra che in questo paese si sia deciso di uccidere la politica. 

Molti imprenditori, infine, ci hanno segnalato la mancanza di qualsiasi iniziativa che porti economia, oltre le solite sagre e brutte copie di manifestazioni di altri paesi, una totale mancanza di visione che si riflette in una continua moria delle attività commerciali, ed un preoccupante aumento delle partenze verso altri luoghi per trovare lavoro. 

Questi, alcuni dei temi di preoccupazione espressi ieri sera. 

Per fortuna, in tutti gli interventi è emersa la volontà di veder risorgere il nostro glorioso paese.

 L’incontro è stato aperto da Mimmo Sorace, con l’invito a pensare ad un progetto comune per dare il proprio contributo al fine di veder crescere una prospettiva di vita che possa permettere un domani ai nostri figli di scegliere di rimanere in questa città. 

Serve avviare un nuovo dibattito con tutte le forze politiche per cercare di costruire delle nuove linee di sviluppo. 

Aprire dei tavoli tematici dove confrontarsi e cercare le migliori soluzioni. 

Stefano Archinà ha detto: “ci piace immaginare il futuro Consiglio Comunale qualificato formato da persone che anche da posizioni diverse tra maggioranza e minoranza, possano incoraggiare una  discussione ed un confronto politico, necessario per il rilancio della nostra città. Al prossimo incontro proporremo l’organizzazione di tavoli tematici che non possono avere un solo colore politico su: territorio e turismo, 106 e viabilità, sanità, tributi e bilancio”.  

Molti sono stati gli interventi, sia dei due gruppi consiliari di opposizione, sia di tutte le altre forze politiche presenti a Siderno.

Tutti i partecipanti alla riunione hanno concordato sull’idea che più che lavorare “contro” sia necessario adoperarsi “per” costruire una proposta politica alternativa a quella dell’attuale esecutivo cittadino, attraverso l’individuazione di un percorso che possa consentire ancora  la crescita di questa Terra.

Il turismo è sicuramente una delle industrie che può far decollare definitivamente Siderno e tutta l’area. Oltre naturalmente settori connessi come new economy, cultura, ambiente, agricoltura di qualità, artigianato e nuove tecnologie. 

Serve una nuova forza fatta di intenti comuni sui grandi temi, che porti avanti con determinazione, competenza e onestà intellettuale il progetto.

Gruppi di opposizione consiliare e extraconsiliare del Comune di Siderno

Print Friendly, PDF & Email