Ven. Feb 23rd, 2024

La controversia si intensifica con la presenza dell’accusato Nino Cento durante i lavori

Continua dopo la pubblicità...


Calura
Testata
AmaCalabria-Banner22-23Febbraio
RistoroViandante
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Un’atmosfera carica di tensione ha avvolto il Consiglio Comunale Straordinario indetto dopo la denuncia di aggressione nei confronti del Sindaco di Cittanova. La situazione ha preso una piega inaspettata con l’inaspettata presenza di Nino Cento, l’accusato, all’esterno del municipio durante lo svolgimento dei lavori.

Il Consiglio, aperto anche alla partecipazione dei sindaci della Piana, ha avuto l’obiettivo di affrontare la delicata questione e discutere delle misure da adottare per risolvere la situazione. Tuttavia, l’intervento di Nino Cento ha aggiunto un ulteriore elemento di complessità alla vicenda.

L’accusato ha colto l’occasione per raccontare la sua versione dei fatti, sostenendo di essere stato oggetto di ingiuste accuse. Cento ha dichiarato di non essere coinvolto nell’aggressione al Sindaco e ha espresso la sua volontà di far luce sulla vicenda.

Il sindaco di Cittanova, nel frattempo, ha mantenuto la sua posizione accusatoria, sottolineando la gravità della situazione e l’importanza di una risposta decisa da parte delle istituzioni. La presenza degli altri sindaci della Piana ha contribuito a creare un clima di dibattito intenso e di ricerca di soluzioni condivise.

La cittadinanza segue con apprensione gli sviluppi della vicenda, con molti residenti che si sono radunati fuori dal municipio per esprimere il loro interesse e preoccupazione riguardo alla stabilità della comunità.

Il Consiglio Comunale, dopo una discussione appassionata e un’analisi attenta delle testimonianze disponibili, ha deciso di istituire una commissione ad hoc per approfondire le circostanze dell’aggressione e fare chiarezza sulla responsabilità di Nino Cento. Nel frattempo, la comunità rimane in attesa di ulteriori sviluppi mentre la tensione nell’aria rimane palpabile.

Print Friendly, PDF & Email