Lun. Apr 15th, 2024

La Calabria chiede urgente azione per completare la strada statale 106 Ionica. Mobilitazione unitaria per sicurezza e sviluppo

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

La Calabria sconta un’insufficienza infrastrutturale viaria e ferroviaria ionica che non permette l’avvio di un necessario sviluppo del territorio e non garantisce uno spostamento in maniera adeguata e in sicurezza, poiché ogni giorno si allunga la lista degli incidenti mortali e invalidanti, non più giustificabili.

C’è l’urgenza di progettare, finanziare e realizzare l’intera opera, accorciando i tempi mediante il contemporaneo avvio di più cantieri e lo snellimento delle procedure autorizzative, rapportate alla necessità impellente di modernizzare e completare l’intera strada statale 106 ionica.

A sostegno di questa vertenze, una delle più sentite e datata della Calabria, avviamo una mobilitazione regionale unitaria, nostra, di Cgil, Cisl, Uil, lungo tutta la costa ionica calabrese, organizzando delle rappresentazioni in quei punti ritenuti critici  in  tutte le province.

Chiediamo all’ANAS e alla politica di tendere, in maniera spedita, al superamento del semplice studio di fattibilità, verso l’avvio di un vero progetto di fattibilità tecnica economica che interessi i 174 chilometri – da Catanzaro a Reggio Calabria.

Tratta, già inserita all’interno dell’allegato A1.1, di cui all’aggiornamento della Cassa Depositi e Prestiti, 16 – 20, approvato con delibera n. 43 del 27.12.2022, a cura del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica e lo Sviluppo.

L’intervento per quest’area dovrà comprendere:                                                                           

Catanzaro – Roccella, chilometri 74;

Locri – Palizzi, chilometri 60;

Bova – Reggio Calabria, chilometri 44.

Non possiamo più assistere a incomprensibili atteggiamenti che frenano il prolungamento da Palizzi verso Locri, lasciando il cantiere appena fuori Palizzi, senza dare corso a un completamento di una infrastruttura essenziale per la sicurezza stradale, la crescita, il lavoro e la coesione territoriale di quest’area molto fragile e isolata.

Sono i motivi perché l’iniziativa di protesta, per la Città Metropolitana di Reggio Calabria, incomincia con un raduno presso il piazzale, di fronte la stazione ferroviaria del comune di Bianco, alle ore 9.30 di domani venti febbraio, per concludersi, dopo una lenta sfilata sulla strada statale 106, con un nutrito numero di macchine, entro le ore 13.00, in piazza Martiri di Nassiriya, a Locri.

Riteniamo non si debba perdere altro tempo sulla via della progettazione, finanziamento e realizzazione di tutta la statale 106, garantendo così, a tutte le comunità un vero diritto alla mobilità e evitando altri disagi e morti per incidenti.

Come Cgil, Cisl e Uil, Città Metropolitana di Reggio Calabria, invitiamo alla partecipazione le comunità, le istituzioni, la politica, la chiesa per rivendicare il completamento della nuova strada statale 106 ionica, con lo slogan “ Insieme per la Strada Statale 106 Ionica”.

Segretario Generale Cisl, Romolo Piscioneri

Segretario Generale Cgil, Gregorio Pititto

Segretario Generale Uil, Giuseppe Rizzo

Print Friendly, PDF & Email