Mer. Apr 17th, 2024

Il libro presentato ieri a Locri a Palazzo Nieddu getta luce sui complessi intrecci tra politica, giustizia e criminalità organizzata nella regione calabrese.

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Nella storica cornice di Palazzo Nieddu a Locri, è stato presentato ieri “Pregiudizio di Stato”, il nuovo libro dell’autrice Adriana Toman. L’opera rappresenta un’analisi approfondita sul condizionamento esterno e il sistema antimafia nella regione della Calabria.

L’evento ha attirato l’attenzione di accademici, giornalisti e cittadini interessati alla complessa dinamica che caratterizza il rapporto tra istituzioni, società civile e criminalità organizzata in questa parte d’Italia.

Il libro di Toman si propone di scrutare le radici e gli effetti del cosiddetto “pregiudizio di stato” nella gestione della questione mafia in Calabria. Attraverso un’analisi serrata e documentata, l’autrice getta luce sui molteplici fattori che influenzano il sistema giudiziario e politico, spesso compromessi dalla presenza pervasiva della criminalità organizzata.

Il volume non si limita a esporre i dati e i fatti noti, ma si spinge oltre, esaminando le sottili connessioni tra le sfere del potere politico e le reti mafiose. Toman affronta con coraggio tematiche delicate e dibattute, offrendo una prospettiva critica e ben documentata.

Durante la presentazione, l’autrice ha sottolineato l’importanza di smantellare i pregiudizi che talvolta permeano le istituzioni, ostacolando una lotta efficace contro la criminalità organizzata. Ha inoltre evidenziato la necessità di un impegno costante da parte della società civile e delle istituzioni stesse per contrastare questa minaccia e garantire un futuro migliore per le generazioni a venire.

L’evento ha suscitato un vivace dibattito tra i partecipanti, evidenziando l’urgenza di affrontare con determinazione e trasparenza le sfide legate alla presenza della mafia in Calabria e in tutta Italia.

“Pregiudizio di Stato” si presenta quindi come un contributo significativo al dibattito pubblico sulla lotta alla mafia e alla corruzione, e promette di stimolare ulteriori riflessioni e azioni concrete nella ricerca di una società più giusta e libera dalla criminalità organizzata.

Print Friendly, PDF & Email