Lun. Apr 15th, 2024

Saverio Scarpino è stato nominato nuovo presidente dell’Ente Bilaterale del Turismo Calabrese. L’ente, un’associazione no profit, fornisce servizi ai lavoratori e alle imprese che ne fanno parte. La nomina di Scarpino è stata accolta con interesse nel settore turistico regionale, e si spera che porti un’ulteriore spinta allo sviluppo e alla promozione del turismo in Calabria

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow


Saverio Scarpino è stato eletto all’unanimità come nuovo presidente dell’Ente Bilaterale del Turismo Calabrese. Attualmente segretario generale provinciale della UIL TuCS Catanzaro, Scarpino subentra a Francesco Perino, che rimane confermato come vicepresidente. Nel consiglio direttivo regionale restano Giuseppe Valentino per Filcams Cigl e Fortunato Lo Papa per la Fisascat Cisl, la Fiavet e la Fipe.

L’Ente Bilaterale del Turismo Calabrese è un’associazione no profit che fornisce servizi ai lavoratori e alle imprese del settore turistico, operando in collaborazione con le associazioni datoriali e sindacali della regione. Tra i servizi erogati figurano welfare contrattuale, formazione professionale, sicurezza sul lavoro, contrattazione e retribuzione, sanità integrativa e sostegno al reddito.

“Sono molto felice ed onorato di aver ricevuto questo incarico”, afferma Scarpino, “e mi impegnerò al massimo, con la collaborazione di tutti i componenti, per far sì che l’ente bilaterale regionale possa diventare sempre più un punto di riferimento per imprese e lavoratori, migliorando la qualità lavorativa nel turismo, settore cruciale per la nostra regione”.

Francesco Perino, presidente uscente, commenta: “Abbiamo ristrutturato un ente in difficoltà e avviato tutte le attività di sostegno al reddito e formazione per i lavoratori del settore. Oggi, l’Ente è in grado di ripartire in serenità, con nuove ed importanti prospettive per un settore che rappresenta oltre il 25% del PIL regionale”.

Print Friendly, PDF & Email