Dom. Apr 21st, 2024

Priorità all’energia rinnovabile per salvaguardare comunità e imprese: l’appello di D’Agostino (Omnia)

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Vincenzo D’Agostino, amministratore delegato della calabrese Omnia Energia Spa, sottolinea l’importanza di investire in energie rinnovabili a livello locale per ottenere benefici significativi sia a livello economico che ambientale. Egli evidenzia come l’installazione di impianti fotovoltaici da parte dei cittadini privati possa portare a notevoli risparmi, fino al 70%, grazie a finanziamenti e detrazioni. Tuttavia, D’Agostino mette in luce una serie di problematiche legate al persistere di numerosi comuni calabresi in una situazione di dissesto finanziario, che impatta negativamente sull’intero tessuto imprenditoriale e sulla società.

Una delle principali criticità riguarda il cosiddetto “fattore Omega”, ovvero il sovrapprezzo applicato al costo dell’energia nelle bollette di coloro che non pagano regolarmente le fatture elettriche. Questo fenomeno crea un circolo vizioso in cui i comuni morosi sono costretti a entrare in meccanismi di salvaguardia, generando sovrapprezzi che inflazionano ulteriormente il costo dell’energia e impattano sulle aziende locali, soprattutto quelle in cui l’energia rappresenta una voce significativa dei costi operativi.

D’Agostino sottolinea che questo fenomeno non solo mette a rischio la sostenibilità economica delle imprese, ma crea anche una disparità tra il Nord e il Sud Italia, dove il sovrapprezzo è meno presente. Egli invita pertanto le istituzioni locali a considerare prioritario l’investimento nelle energie rinnovabili e a adottare azioni concrete per ridurre i tempi di pagamento delle bollette elettriche e l’arretrato accumulatosi, al fine di uscire dall’ambito della salvaguardia.

Infine, D’Agostino richiama l’attenzione sulla necessità che la classe politica e istituzionale si impegni a gestire con maggiore responsabilità il rischio di fallimento per enti e aziende legato a questo sistema perverso della salvaguardia. Egli suggerisce di utilizzare in modo efficace le risorse messe a disposizione dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per promuovere gli investimenti nelle energie rinnovabili e per contrastare le remore e i ritardi che frenano il progresso in questo settore.

Print Friendly, PDF & Email