Dom. Apr 21st, 2024

Due eventi promossi dall’Ong “bon’t worry” coinvolgono esperti e istituzioni per discutere di diritti fondamentali e giustizia minorile in Cosenza e Catanzaro, con la partecipazione del presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto

Continua dopo la pubblicità...


IonicaClima
amaCalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Organizzati dall’Ong internazionale “bon’t worry”, il 5 e il 6 aprile prossimi si svolgeranno a Cosenza e a Catanzaro due incontri pubblici di alto profilo, rispettivamente sulla tutela dei diritti fondamentali e sulla giustizia riparativa in ambito minorile. Il 5 aprile, alle ore 10 nella Sala degli specchi della Provincia di Cosenza, sociologi, sindaci, parlamentari, il prefetto del territorio, il questore di Cosenza e il comandante provinciale dei carabinieri si confronteranno sullo Stato di diritto nell’era digitale. Il giorno successivo, a Catanzaro, a partire dalle ore 10 nell’auditorium del Centro di giustizia minorile, giuristi, parlamentari, legali, magistrati e dirigenti pubblici discuteranno di mediazione penale e giustizia riparativa in ambito minorile. All’iniziativa parteciperà il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto. Concluderà i lavori il viceministro della Giustizia, Francesco Paolo Sisto. «Torniamo in Calabria con la convinzione che è una terra fertile per seminare legalità e raccogliere buoni frutti», spiega Bo Guerreschi, presidente dell’Ong internazionale “bon’t worry”, attiva nella difesa delle vittime di violenza, nella rieducazione dei carcerati e nella sensibilizzazione dei minori rispetto ai diritti inviolabili della persona umana.

Print Friendly, PDF & Email