Mar. Giu 25th, 2024

In Badolato (cittadina jonica calabrese in provincia di Catanzaro) anni fa è stato

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

chiuso il passaggio a livello (qui in una foto del 1982) che permetteva a tutti di

raggiungere facilmente il mare e le campagne sotto ferrovia a pedoni, lavoratori

e automobilisti. In sua sostituzione le FS (oggi RFI) hanno costruito un sottopasso,

500 m. circa più a nord a stretto contatto con la trafficata statale 106. Alla prova

dei fatti e visti gli incidenti, però, tale tortuoso sottopasso risulta pericoloso per

tutti i pedoni e specialmente per le donne che, nelle ore notturne e anche d’estate,

hanno paura di utilizzarlo perché si sentono molto insicure.

Così, con il passare del tempo sta montando la protesta e la richiesta di ripristinare

il vecchio passaggio a livello, che permetterebbe un più comodo transito a tutti, in

particolare ad anziani, nonché a mamme col passeggino e a disabili con le carrozzelle.

I cittadini di Badolato si sentono, in gran parte, defraudati di un diritto, quello di

poter usufruire del proprio mare e del proprio tempo libero nelle aree di verde

attrezzato. Alcuni fanno osservare che i passaggi a livello sono rimasti in numerosi

paesi lungo la ferrovia: basti pensare a Soverato, a Guardavalle, a Roccella Jonica.

Altri si soffermano sul fatto che dal 1875 che esiste tale passaggio a livello non si è

mai lamentato il pur minimo incidente di qualsiasi genere; eppure il transito dei treni

prima era assai frequente (in media ad un’ora di distanza) mentre adesso sono

diradati di molto. Taluni osservano che con il muro di cemento grezzo a ridosso dei

binari è stato deturpato pure il paesaggio delle “Via del mare” che era uno dei posti

più belli della zona. Qualcuno insiste nel dire che così si negano persino i diritti umani

e sociali ad una comunità che ospita il passaggio della ferrovia e i cittadini vanno

rispettati e non usurpati dei propri diritti essenziali di libera e comoda mobilità.

Insomma, c’è da immaginare che continuerà sempre di più la protesta dei badolatesi

contro la chiusura del passaggio a livello. E storicamente Badolato ha fama di paese

assai tenace nelle sue lotte sociali. Meglio quindi assecondare le richieste della

riapertura, restituendo, appunto, il diritto di passaggio. Altrimenti – assicurano

alcuni – si potrebbe persino ricorrere alla Corte Europea di Giustizia.  Intanto sistanno raccogliendo le firme da presentare a Comune e alle Ferrovie.

Print Friendly, PDF & Email