Gio. Lug 18th, 2024

“L’eventuale nomina di Gino Strada come commissario o sub commissario della sanità calabrese per conto del Governo non sarebbe altro che uno specchietto per le allodole per fingere agli occhi dell’opinione pubblica nazionale e calabrese di prendersi a cuore il problema di questa regione.

Continua dopo la pubblicità...


futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Peccato che questa terra non abbia bisogno né di deputati mancati in cerca di stipendi da arrotondare come nel caso di Giuseppe Zuccatelli, né di leader di Ong esperte in campi profughi e zone di guerra come il dottor Gino Strada.

La Calabria ha invece bisogno di manager seri ed esperti nell’ambito dell’organizzazione e della gestione dei sistemi sanitari da inviare a supporto, e non a sostituzione, delle istituzioni regionali al fine di gestire la situazione in attesa che venga eletto un nuovo governatore nel pieno delle funzioni a cui delegare ogni responsabilità.

La volontà da parte del Governo di nominare Gino Strada contemporaneamente a quella di voler far slittare a primavera le elezioni regionali hanno invece il sapore di una subdola strategia per sfruttare il vuoto politico nel quale versa la Calabria per prendere le redini del potere e, allo stesso tempo, accontentare secondo vecchie logiche clientelari l’ennesimo amico degli amici del ministro Roberto Speranza“.

Così l’eurodeputato della Lega Vincenzo Sofo ha commentato i rumors riguardanti la possibile nomina da parte del Governo di Gino Strada come responsabile della gestione della sanità calabrese.

Print Friendly, PDF & Email