Ven. Giu 14th, 2024

Riunione Anci Roma: Approvati progetti Sai, tavolo tecnico Viminale per minori stranieri. Castorina su insufficienza posti rete Sai per MSNA

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Si è svolta a Roma presso al sede dell’Anci la commissione Nazionale Immigrazione e Politiche per l’Integrazione alla quale ha preso parte anche il Consigliere Comunale di Reggio Calabria Avv. Antonino Castorina.

La riunione è stata presieduta da Matteo Biffoni Sindaco di Prato e delegato Anci all’Immigrazione e Politiche per l’Integrazione alla presenza anche di Virginia Costa, Responsabile del Servizio Centrale Sai.

Al centro dei lavori i provvedimenti che hanno confermato i progetti Sai e l’avvio del tavolo tecnico al Viminale per l’efficientamento delle procedure di accesso alla rete oltre le novità normative in materia di gestione dell’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati.

In discussione durante la riunione romana la prosecuzione della collaborazione con il ministero dell’Interno in vista dell’efficientamento delle procedure di accesso alla rete Sai, anche grazie all’avvio di un apposito tavolo tecnico, e la definizione di contorni più chiari dei meccanismi di gestione dell’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati.

 Il coordinatore della Commissione Anci Biffoni ha chiarito che sono tre i pilastri su cui si intende proseguire il confronto ed ovvero l’accreditamento permanente degli enti titolari di progetti Sai ;  l’efficientamento dei meccanismi di ampliamento della rete, con una riserva obbligatoria di posti aggiuntivi ad attivazione immediata ed una particolare attenzione alla specificità dei minori stranieri non accompagnati.

Durante la riunione spiega Castorina – Consigliere Comunale di Reggio Calabria è emerso come siano insufficienti i posti nella rete SAI per MSNA e la difficoltà connesse alla presa in carico dei minori in prosieguo amministrativo, per i quali non sono disponibili rimborsi da parte dello Stato.

La richiesta che va discussa è la necessità di rendere più tempestiva la comunicazione dalle Prefetture ai Comuni della presenza di minori in strutture del circuito emergenziale al fine di programmarne la gestione in maniera ordinata ed organica.

ll potenziamento strutturale e stabile degli strumenti ordinari afferma Castorina è la necessaria richiesta che va fatta al governo al fine di evitare le situazioni di disagio che hanno messo in difficoltà tutti i comuni in Italia.

Print Friendly, PDF & Email