Mar. Giu 25th, 2024

Blitz della Finanza a Palazzo dei Bruzi. Sei gli indagati accusati a vario titolo di corruzione e abuso d’ufficio. Tra loro Potestio, già capo di Gabinetto dell’ex sindaco Occhiuto, e i dirigenti Cucunato e Pecoraro.

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Dalle prime ore di venerdì uomini della Guardia di finanza stanno perquisendo gli uffici del Comune di Cosenza nell’ambito di una inchiesta sulle presunte “ditte amiche” a Palazzo dei Bruzi. I finanzieri del Nucleo di polizia tributaria stanno acquisendo documenti. Da quanto si apprende – ma in Procura vige il più stretto riserbo – risultano iscritti nel registro degli indagati Carmine Potestio, già capo di Gabinetto dell’ex sindaco Mario Occhiuto, il dirigente Domenico Cucunato, l’ingegnere Carlo Pecoraro e le ditte Medlabor (nota alle cronache per la vicenda delle famose luminarie) con il responsabile Antonino Scarpelli, gli imprenditori Francesco Amendola e Antonio Amato. I reati contestati sono corruzione e abuso d’ufficio. Al vaglio degli inquirenti delibere e affidamenti di lavori. Perquisizioni sono in corso anche presso le abitazionid degli indagati.

Print Friendly, PDF & Email

Di