Mar. Giu 25th, 2024

Sotto la lente della commissione elettorale la documentazione integrativa predisposta per sanare le irregolarità procedurali nella presentazione dei candidati. Possibile anche un intervento del ministero dell’Interno.

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

La commissione elettorale di Cosenza sta esaminando la documentazione integrativa presentata dai rappresentanti della lista “Cosenza Popolare”, diretta espressione del Nuovo centrodestra. I commissari hanno deciso di approfondire le carte fornite dai centristi, che ieri sono stati ricusati dalla competizione elettorale in programma per il 5 giugno. Alla base della decisione c’è l’errore compiuto dai rappresentanti di “Cosenza Popolare’ che hanno presentato moduli di accettazione delle candidature datati e non contenenti le prescrizioni in materia di incandidabilità contenute nella legge Severino. «Si tratta di un vizio formale e non sostanziale», è  la difesa dei rappresentanti di Ncd. Che a supporto delle loro tesi citano il caso di Milano dove la lista di Fratelli d’Italia sarebbe incorsa nello stesso errore. A questo proposito potrebbe intervenire il ministero dell’Interno attraverso una circolare che faccia chiarezza sul punto. Lo sperano soprattutto la famiglia Gentile e il candidato a sindaco Enzo Paolini, che molto conta sull’apporto elettorale del sottosegretario Tonino e del vicepresidente del Consiglio regionale Pino.

Print Friendly, PDF & Email

Di