Dom. Lug 14th, 2024

“Grave che avvenga nel trentennale delle stragi di mafia”

Continua dopo la pubblicità...


futura
JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

«È evidente, è una scelta di campo la candidatura di Pasquale Del Prete. Il candidato di Calenda ha dichiarato apertamente “sono camorrista e sono fiero di esserlo”, c’è la fierezza tipica dell’uomo di mafia e lo dice a un territorio in cui il camorrista fa della fierezza una sua virtù. Escludo l’ingenuità di fronte a dichiarazioni del genere. Purtroppo siamo nel trentennale della stagione delle stragi del ’92, di Falcone e Borsellino, e il Paese ha prevalentemente dimenticato quella stagione. Allora Calenda e i suoi, con una candidatura del genere, puntano da una parte sulla smemoratezza degli italiani onesti e dall’altra sulla capacità di condizionamento del voto degli uomini di mafia e di camorra». Lo ha dichiarato Antonio Ingroia, candidato di Italia Sovrana e Popolare, intervistato da Klaus Davi per il talk KlausCondicio in onda su YouTube (online al link https://www.youtube.com/watch?v=nHDmodooG_E&ab_channel=KlausCondicio).

Print Friendly, PDF & Email