Mar. Giu 18th, 2024

Continua la campagna del sindacato di Landini che proseguirà fino a luglio: «Risultato grazie all’impegno delle categorie e dei delegati»

Con oltre diecimila firme raccolte in soli venti giorni, prosegue la campagna referendaria della Cgil Calabria «per la tutela dei diritti di lavoratrici e lavoratori, per un lavoro stabile, dignitoso, tutelato e sicuro». «Grazie all’impegno delle Camere del Lavoro – afferma Gianfranco Trotta, segretario confederale Cgil Calabria – delle categorie e dei delegati, tramite i banchetti ma anche le assemblee nei luoghi di lavoro, territorio per territorio, dai capoluoghi ai piccoli centri, senza trascurare le aree interne, il sindacato ha avviato a tutti i livelli un lavoro di militanza e di coinvolgimento e partecipazione capillare che sta raccogliendo non solo adesioni, ma anche centinaia di testimonianze che confermano la necessità, nonché l’urgenza, di cambiare quelle norme che non consentono di dare piena dignità al lavoratore, ne mettono a rischio la sicurezza e non gli permettono di guardare con serenità al futuro».

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

«Un lavoro importante – aggiunge Trotta – quello che abbiamo messo in campo che proseguirà fino a luglio, insieme alle tante altre iniziative per il diritto alla salute, la difesa e l’applicazione della Costituzione, la legalità, che ci permetterà di continuare ad essere tra la gente, raccogliendo le loro istanze e storie. Esperienze spesso negative, di precarietà, rabbia e sdegno che ci confermano che quella del referendum è la strada giusta».

«La Cgil Calabria è convinta – è detto in una nota del sindacato – che il futuro del Paese, delle attuali e delle nuove generazioni, si possa cambiare anche, e soprattutto, mettendo mano al lavoro precario, alle morti sul lavoro e alla logica del profitto negli appalti e subappalti, capovolgendo, insomma, istituti e prassi date per assodate. Cosa chiediamo? Chiediamo l’abrogazione delle norme che impediscono il reintegro al lavoro in caso di licenziamenti illegittimi, che facilitano i licenziamenti illegittimi nelle piccole imprese, che hanno liberalizzato l’utilizzo del lavoro a termine e che impediscono, in caso di infortunio sul lavoro negli appalti, di estendere la responsabilità all’impresa appaltante. Il nostro lavoro di raccolta firme proseguirà incessantemente fino a luglio anche tramite la firma online su www.cgil.it/referendum».

Print Friendly, PDF & Email