Mar. Giu 25th, 2024

Il Riesame rigetta la richiesta dell’avvocato Liberati: ‘Decisione incomprensibile’, annuncia ricorso

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Marjan Jamali, una donna iraniana di 29 anni, è al centro di una vicenda complessa. Dopo essere approdata a Roccella Jonica, è stata arrestata alla fine di ottobre scorso al porto di Roccella Jonica. L’accusa? Presunta scafista. Tuttavia, Marjan ha sempre negato questa accusa, sostenendo di essere vittima di un’accusa falsa inventata dai suoi tre accusatori. Durante il viaggio, sostiene che questi stessi uomini abbiano anche tentato di stuprarla. Nonostante ciò, il Tribunale del riesame di Reggio Calabria ha rigettato la richiesta degli arresti domiciliari avanzata dal suo avvocato, l’avv. Giancarlo Liberati. Marjan Jamali è ora detenuta in carcere a Reggio Calabria, mentre il suo figlio minorenne di appena 8 anni, Zafar, è temporaneamente affidato a una famiglia afghana inserita nel centro dell’alto Jonio reggino, gestito dalla cooperativa sociale “Jungi Mundu” 1.

La decisione del Riesame è stata definita incomprensibile dall’avvocato Liberati, che ha annunciato di fare ricorso. Marjan Jamali, insieme al figlio e ad altri 100 migranti, era sbarcata a Roccella Jonica alla fine di ottobre scorso, dopo un’operazione di soccorso in mare compiuta dalle autorità marittime italiane al largo della costa calabrese. La sua storia è complessa e coinvolge accuse gravi, ma la lotta per la verità continua.

Print Friendly, PDF & Email