Mar. Giu 18th, 2024

Congratulazioni cariche di gratitudine e di “benevolo dispiacere” per la partenza del giudice che ha battagliato a viso aperto con la mafia

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Nicola Gratteri è stato eletto con larga maggioranza (19 voti contro gli 8 a Rosa Volpe e i 5 a Giuseppe Amato), e alla prima votazione, nuovo procuratore capo di Napoli. Lascia dunque la Procura della Repubblica di Catanzaro dopo quasi otto anni per passare al timone dell’ufficio di Procura più grande d’Europa.
Lui, che alla sua terra natìa ha dichiarato “amore viscerale”, lascia alla stessa Calabria una lunga sfilza di successi e la sua impronta sulla realizzazione della tanto sognata Super Procura a Catanzaro, che resta momentaneamente nelle mani del vicario Vincenzo Capomolla.
Per questi e per tanti altri motivi non potevano che giungere numerosi i messaggi di congratulazioni per la nuova carica ottenuta; messaggi pieni di gratitudine ma anche con qualche rammarico perché la Calabria perde un giudice che ha saputo fare in più occasioni della nostra regione il centro della lotta alla criminalità organizzata.

Occhiuto: “In Calabria è stato argine alla ‘ndrangheta”

“Congratulazioni a Nicola Gratteri per la nomina a procuratore capo di Napoli, sancita oggi dal Csm.
Si tratta del giusto riconoscimento per un magistrato dalle straordinarie capacità investigative e dalle radicate competenze sulle dinamiche criminali: doti che saranno a servizio di uno dei distretti giudiziari più complessi e grandi d’Italia”. Così Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria.
“In Calabria Nicola Gratteri è stato per tanti anni un argine alla ‘ndrangheta, ha rappresentato un vero e proprio deterrente a delinquere.
Ha avuto anche grandi meriti organizzativi, gestendo al meglio gli uffici della Procura e consegnando all’amministrazione giudiziaria importanti immobili oggi pienamente operativi.
Spero che chi lo sostituirà a Catanzaro abbia lo stesso livello di conoscenza della nostra Regione e sappia continuare al meglio il lavoro fatto in questi anni.
A nome della Giunta che ho l’onore di presiedere e a nome dei calabresi ringrazio il procuratore Gratteri e gli auguro buon lavoro per questa nuova avventura”.

Mancuso: “Più fiducia ai cittadini nella giustizia”

“Scegliendo il Csm, per l’Ufficio inquirente più grande di Italia, una personalità con così notevole esperienza, si dà più fiducia ai cittadini nella giustizia”. Questo il messaggio di Filippo Mancuso, Presidente del Consiglio regionale della Calabria.
“Al dottor Nicola Gratteri, nuovo Procuratore capo della Repubblica di Napoli, rivolgo gli auguri di buon lavoro, miei e del Consiglio regionale che mi pregio di rappresentare”. 

Limardo: “Ha regalato al Vibonese una nuova primavera di libertà”

“Un augurio grande ed un ringraziamento grandissimo al procuratore Nicola Gratteri, per il prestigioso ruolo che andrà a ricoprire a Napoli, la Procura più grande d’Italia, e per quanto fatto alla guida dell’ufficio di Catanzaro, regalando al Vibonese, non solo con l’inchiesta Rinascita-Scott, una nuova primavera di libertà”. Lo dichiara il sindaco di Vibo Valentia, Maria Limardo, in seguito all’ufficializzazione della notizia della nomina del procuratore Gratteri.
“Al magistrato che più di tutti ha saputo cogliere il bisogno di legalità di un territorio spesso oppresso dalla cappa mafiosa, giunga il ringraziamento dell’intera città di Vibo Valentia. Una città che è tornata a respirare aria pura anche per merito dell’incessante opera di contrasto al malaffare e alla criminalità messa in atto dalle Procure e sostenuta da tutte le componenti delle forze dell’ordine, nei confronti delle quali il Comune di Vibo si è posto come interlocutore e portatore dei medesimi interessi: quelli della sicurezza, della legalità, del vivere civile, per una società più sana e libera. Siamo certi che questo lavoro proseguirà, perché la strada imboccata è quella giusta. Indietro non si torna”.

Uil Calabria: “Orgoglio e benevolo dispiacere”

“La nomina del procuratore Nicola Gratteri alla guida dell’ufficio di Napoli ci riempie d’orgoglio e allo stesso tempo ci lascia un po’ di benevolo dispiacere. Questo perché le istituzioni calabresi perdono un uomo e un magistrato che, nel mettere al servizio della legalità e della Calabria gran parte della propria vita, ha subito notevoli restrizioni della stessa”. Queste le parole di Santo Biondo, segretario generale Uil Calabria.
“Tutti quanti noi dobbiamo essere riconoscenti a questo servitore dello Stato, a quest’uomo che, con il suo lavoro, non si è mai arreso alla speranza di liberare spazi utili di democrazia, economica e sociale, in una terra troppo spesso soggiogata dallo strapotere mafioso.
A Nicola Gratteri va il sentito e deferente saluto di tutta la Uil Calabria nella convinzione che, anche con il suo nuovo impegno professionale, non smetterà mai di lavorare per la legalità, la sicurezza e la libertà di tutti coloro che hanno bisogno dello Stato al loro fianco, che vogliono vivere in un Paese sempre più democratico e libero da ogni forma di schiavitù mafiosa. E chissà che in futuro non possa continuare a dare il proprio contributo al bene della sua e nostra terra”.

M5S Calabria: “Grazie per il lavoro, chi lo sostituirà abbia la stessa determinazione”

“Nicola Gratteri, simbolo della magistratura in prima linea per la lotta alla ‘ndrangheta, sarà il nuovo procuratore capo di Napoli. Un incarico prestigioso che arriva dopo anni di intensa attività antimafia in Calabria”. Lo affermano in una nota i portavoce e i coordinatori del Movimento 5 stelle Calabria.
“A lui – dicono – vanno i complimenti del Movimento 5 stella calabrese e gli auguri di buon lavoro per la nuova avventura in un contesto complesso, non fosse altro perché è l’ufficio di procura più grande del Paese, in cui, per come lo conosciamo, si dedicherà con esperienza, competenza e passione.
Ma, soprattutto, – prosegue la nota – a Nicola Gratteri vanno i ringraziamenti per quanto fatto nella sua, nostra, terra. Per la dedizione, il coraggio e la determinazione mostrate nella battaglia contro la ‘ndrangheta. Senza risparmiarsi e senza paura.
Ci auguriamo – concludono gli esponenti pentastellati – che chiunque prenderà il suo posto alla Procura di Catanzaro lotti con la stessa testarda ostinazione per affrancare la Calabria da un nemico sempre più pericoloso, infido e mutevole”. 

Mangialavori: “Porterà bagaglio di esperienza da una terra bella ma difficile”

“Al procuratore Nicola Gratteri rivolgo i migliori auguri di buon lavoro per il nuovo, prestigioso incarico che andrà a svolgere alla guida di una delle Procure più importanti d’Italia, quale è quella di Napoli”. Lo afferma in una nota il deputato di Forza Italia e presidente della commissione Bilancio della Camera, on. Giuseppe Mangialavori.
“Il procuratore Gratteri, forte di un lavoro lungo decenni sempre in prima linea – aggiunge Mangialavori – porterà con sé un bagaglio di esperienza maturata in una terra bella e difficile come la nostra Calabria. Al dottor Gratteri, da cittadino calabrese prima che da rappresentante istituzionale, giungano dunque i miei più sentiti auguri”.

Falbo: “Ha lasciato segno indelebile con azione contro la criminalità organizzata”

“Formuliamo i migliori auguri di buon lavoro a Nicola Gratteri, eletto oggi a larga maggioranza dal CSM nuovo procuratore di Napoli”. È quanto dichiara in una nota il presidente della Camera di Commercio di Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia, Pietro Falbo.
“A nome mio, del segretario generale, della giunta e di tutto l’ente camerale desidero esprimere le più vive congratulazioni per un incarico meritato e di assoluto prestigio.
In Calabria lascia una traccia indelebile che si è tradotta non solo in una azione costante contro la ‘ndrangheta ma, attraverso la rapida ed efficace costruzione di ben due strutture destinate a luoghi della giustizia, è riuscito a dimostrare come lo Stato voglia essere concretamente presente.
Innumerevoli le operazioni di contrasto alla criminalità organizzata che hanno raggiunto ogni angolo della Calabria ridando speranza a tanti cittadini per lungo tempo sopraffatti dall’arroganza e dalla protervia mafiosa. È una eredità importante, quella che ci lascia, insieme ai tanti insegnamenti per costruire una Calabria libera. A lui i nostri auguri di un buon lavoro”.

Print Friendly, PDF & Email