Sab. Giu 15th, 2024

Paziente costretta a rinunciare agli esami per le prenotazioni assurde del Cup. Denunce sui social: visite fissate in tempi record ma con tragitti impossibili. L’ironia sui privati: “Con 259 euro passa la paura

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Una situazione di disagio e scomodità emerge dal racconto di una paziente che, per effettuare due esami radiografici al ginocchio destro e sinistro, è costretta a viaggiare per più di 80 chilometri tra Praia a Mare e Castrovillari, con oltre un’ora di tragitto in auto per ciascun viaggio. La situazione sarebbe stata ancor più complessa se si considera che la paziente vive a Paola, dovendo affrontare due viaggi distinti dalla propria città di residenza, totalizzando quasi 320 chilometri di tragitto in due giorni. Un vero e proprio tour “globetrotter” per una persona con problemi alle ginocchia.

Print Friendly, PDF & Email