Mar. Giu 18th, 2024

Il piano di riordino della rete ospedaliera calabrese ha superato l’esame dei ministeri responsabili della supervisione del piano di rientro sanitario. Il presidente e commissario ad acta, Roberto Occhiuto, ha espresso una certa soddisfazione per questo risultato, nonostante il documento preveda una riduzione delle unità operative nel corso di un quinquennio.

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Inizialmente, il piano aveva suscitato polemiche e proteste da parte dei cittadini di Acri, difendendo il loro nosocomio locale destinatario di tagli ai posti letto. Tuttavia, il documento è stato rivisto e nuovamente approvato, annullando le modifiche iniziali che riguardavano la riduzione delle unità operative complesse. Questa operazione è stata spostata più avanti nel tempo.

Attualmente, la rete ospedaliera calabrese conta 306 strutture complesse nei presidi pubblici e 79 punti di erogazione nelle strutture private accreditate. La quantificazione delle strutture semplici e dipartimentali sarà demandata all’approvazione dei singoli atti aziendali, tenendo conto degli standard stabiliti a livello nazionale.

Va sottolineato che questo assetto è temporaneo: tutte le unità operative complesse saranno monitorate annualmente, considerando le patologie trattate, la frequenza delle patologie nella popolazione calabrese e l’articolazione dei presidi nella rete di emergenza urgenza

Print Friendly, PDF & Email