Sab. Giu 22nd, 2024

Occhiuto sostiene agricoltori calabresi contro politiche UE. Lotta diffusa in Italia. Chiedono riduzione tasse e risarcimento danni fauna.

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, ha manifestato il proprio sostegno alle battaglie degli agricoltori contro le politiche della Comunità Europea. Ha espresso la sua solidarietà recandosi di persona presso lo svincolo autostradale di Rosarno, lungo la statale Jonio Tirreno, dove i coltivatori hanno organizzato un presidio con i loro trattori.

La protesta agricola si sta diffondendo rapidamente in tutta Italia, con trattori che hanno raggiunto persino le porte di Roma in vista di un corteo previsto per il 15 febbraio. Si teme che la contestazione possa anche interessare Sanremo. Gli agricoltori lamentano i costi di produzione insostenibili, la concorrenza sleale dei prodotti esteri e chiedono la riduzione delle tasse e il risarcimento danni causati dalla fauna selvatica.

Occhiuto ha dichiarato di essere disposto a promuovere un tavolo di confronto tra Regione e agricoltori, affiancato dall’Assessore Gianluca Gallo, per ascoltare le loro proposte e valutare interventi concreti da mettere in campo per rispondere alle loro richieste.

In precedenza, gli agricoltori hanno organizzato un funerale simbolico per l’agricoltura tra Rosarno e Polistena, evidenziando la gravità della situazione. I trattori sono stazionati da giorni nei pressi della rotonda di Rosarno sulla strada Jonio Tirreno.

Il governatore Occhiuto ha riconosciuto l’importanza dell’agricoltura per la tutela dell’ambiente e la prevenzione dei rischi idrogeologici. Ha evidenziato come lo spopolamento dei comuni e la mancanza di coltivazione dei terreni possano generare fenomeni di dissesto, sottolineando il ruolo fondamentale degli agricoltori nel prendersi cura del territorio.

La sua presenza e il suo sostegno hanno rafforzato la determinazione degli agricoltori calabresi, che continuano a lottare per la difesa dei propri diritti e del settore agricolo regionale.

Print Friendly, PDF & Email