Ven. Giu 14th, 2024

Lit. Martedì – San Giuseppe – Solennità

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Dal Vangelo secondo Matteo

Mt 1,16.18-21.24

Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù, chiamato Cristo.Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto. Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore.

Parola del Signore

La riflessione di monsignor Piero Romeo, vicario generale della diocesi di Locri Gerace:

La festa di san Giuseppe è la festa di un padre, di uno sposo, di un uomo di fede, di un uomo ragionevole: di un uomo che ha creduto con “coraggio creativo”, così come ha ricordato Papa Francesco in Patris corde. La storia di Giuseppe si intreccia con quella di Maria perché entrambi hanno accolto la vita nelle forme in cui il disegno di Dio ha provveduto.
E il disegno di Dio, ossia di mandare il suo Figlio per salvare il popolo dei suoi figli, si è adagiato nelle forme intricate e difficili della vita degli uomini. La storia del Figlio fin dal suo annuncio non ha evitato le ambiguità, le incomprensioni, i dilemmi degli uomini, di ogni famiglia. Giuseppe, il giusto, ha dovuto fin dall’inizio fare i conti con una nuova vita inaspettata, fuori programma, fuori dai suoi tempi programmati. Ma l’ha accolta, così com’era. Ha accolto, come Maria, le complicazioni e le indicazioni portate dall’angelo. Ha ascoltato, meditato e lottato. Non ha evitato le difficoltà, ma le ha accolte e accogliendole ha accolto Dio in questa storia difficile, dove Lui voleva entrare per non lasciarci soli. Per Giuseppe accogliere l’incertezza ha significato poter credere che Dio la può abitare e rischiarare. E così si è potuto destare dal sonno dell’illusione di una vita sicura, per lasciare che il carico dell’incertezza sia sulle spalle di Dio.

Print Friendly, PDF & Email