Sab. Giu 22nd, 2024

Dietrofront. L’amministrazione comunale di Siderno prende atto che la procedura negoziata di affido temporaneo del servizio di gestione integrata dei rifiuti non è andata a buon fine, e opta per la proroga del servizio a Locride Ambiente per un massimo di sei mesi, e comunque fino alla definizione dell’affidamento del servizio per il prossimo triennio, attualmente in fase di valutazione da parte della Stazione unica appaltante della città Metropolitana.

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Una vera e propria inversione a “U”, per usare una metafora stradale, specie se si pensa che tra le motivazioni addotte nella determina del responsabile di settore “Lavori Pubblici” il motivo scatenante della precedente decisione di procedere a un affido temporaneo in via d’urgenza c’era proprio l’asserita inaffidabilità palesata nello scorso mese di novembre proprio da Locride Ambiente, costretta a interrompere il servizio a Siderno fino allo scorso 18 dicembre per sopravvenuta impossibilità di svolgerlo, dipendente da ragioni legate alle difficoltà economiche.

È stata la sindaca Mariateresa Fragomeni a spiegarci le ragioni della nuova e sorprendente decisione.

«Sui trenta operatori che erano stati contattati in fase di procedura negoziata, ha risposto solo una ditta di Avellino che – ha spiegato – non conoscevamo e che, da una rapida ricerca compiuta, ha operato fino a oggi prevalentemente in piccoli comuni. E soprattutto – ha aggiunto – le condizioni poste avrebbero comportato il sacrificio della mancata assunzione di nove operai e francamente, di fronte a tale ipotesi, non abbiamo ritenuto giusto essere responsabili di una scelta del genere che, tra l’altro, avrebbe comportato un costo mensile più alto rispetto a quello del bando triennale che attualmente è alla Suam».

«Abbiamo preferito, dunque, – continua la sindaca – optare per la proroga a Locride Ambiente, con consistente risparmio in termini economici, fino alla definizione della procedura relativa al bando triennale».

Fin qui Mariateresa Fragomeni. Che, almeno in parte, sembra sconfessare il contenuto della determina dirigenziale n. 1126 dello scorso 16 dicembre di cui abbiamo dato notizia ieri, pubblicata sull’albo pretorio del comune il 4 gennaio. Ma di fronte alla salvaguardia di nove posti di lavoro, ben venga il ripensamento.

FONTE GAZZETTA DEL SUD

Print Friendly, PDF & Email