Mar. Giu 25th, 2024

Riguardo l’ultimo Consiglio comunale tenutosi il 28 u.s., nel quale, tra l’altro, si è discusso della  possibilità della costruzione di un impianto di biodigestione anaerobica, ci corre l’obbligo di precisare che, contrariamente a quanto affermato dal Sindaco, Pietro Fuda, e dall’assessore all’ambiente Anna Romeo, la volontà dell’Amministrazione, inizialmente, era tesa, in maniera inequivocabile, alla realizzazione di detto impianto nel territorio del Comune di Siderno.

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

A tal proposito, si riportano le dichiarazioni fatte, rispettivamente dal Sindaco e dell’Assessore, durante la riunione del Consiglio comunale del 21.03.2016:

Sindaco Fuda “ Io mi auguro che si arrivi a fare un impianto di digestione per produzione di energia”.

Assessore Romeo “la frazione organica, non prima del 2018, dovrebbe essere valorizzata attraverso un biodigestore anaerobico”.

Se si è arrivati a una sintesi unitaria circa l’opposizione ad una eventuale realizzazione di un biodigestore, lo si deve esclusivamente all’azione tenace svolta dal centro-destra Sidernese, rappresentato dal consigliere Pietro Sgarlato.

Infatti, tutto ha avuto inizio da un comunicato stampa al quale è susseguito un intervento scomposto e inopportuno del Responsabile del Settore 5- Politiche del territorio e dell’Ambiente- del Comune, arch. Nicola Tucci. E’ ormai chiaro a tutti che non sbagliavamo nell’affermare che la nostra città rischia di diventare la pattumiera di tutta la Locride.

Noi rimaniamo sempre del parere che Siderno è la Città del comprensorio che ha pagato il più alto prezzo in termini ambientali essendo, già sede di Discariche, Impianto di Separazione e Depuratore Consortile.

Le nostre perplessità permangono, in quanto nel Piano Regionale dei Rifiuti 2016 è a tutt’oggi prevista la realizzazione del citato impianto, e non ci risulta che l’amministrazione abbia presentato le dovute osservazioni nei termini previsti.

Pertanto, attiveremo ogni iniziativa idonea a scongiurare la realizzazione dell’impianto, non ultima quella di trasmettere in via ufficiale al Presidente della Regione e al Dipartimento dell’Ambiente la delibera adottata nel Consiglio comunale del 28.04.2016.

Forza Italia e Uniti per il Futuro

 

Print Friendly, PDF & Email

Di