Sab. Giu 22nd, 2024

Paura nel reggino, nessuna vittima ma danni lievi a edifici

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Un terremoto di magnitudo 3.5 ha scosso la provincia di Reggio Calabria nella notte tra venerdì 19 e sabato 20 aprile 2024. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (INGV) ha localizzato l’epicentro a 4 km a sud di Cittanova, ad una profondità di 14 km.

La scossa principale, avvenuta alle 4:05, è stata avvertita distintamente in un’ampia zona della Calabria meridionale e nord-orientale della Sicilia, dalla costa jonica a quella tirrenica. Momenti di paura per la popolazione, ma fortunatamente non si registrano vittime. Danni lievi sono stati segnalati ad alcuni edifici a Cittanova, Taurianova e Ardore, dove sono state effettuate verifiche da parte dei vigili del fuoco e dei tecnici.

Dopo la scossa principale, si sono verificate altre due scosse di minore intensità: una di magnitudo 2.7 alle 4:17 e una di magnitudo 1.1 alle 4:24.

La zona è soggetta a sismicità, e l’INGV monitora costantemente la situazione per mezzo della sua rete sismica.

Le scosse sismiche in Italia

L’Italia è un paese ad alta sismicità, situato in un’area geologica complessa. Ogni anno si verificano migliaia di scosse sismiche, la maggior parte delle quali di lieve entità. Tuttavia, eventi più forti possono causare danni ingenti e vittime.

È importante ricordare che l’Italia è dotata di un sistema di Protezione Civile efficiente che è in grado di gestire le emergenze sismiche. È inoltre fondamentale che le persone siano informate sui rischi sismici e sappiano come comportarsi in caso di terremoto.

Print Friendly, PDF & Email