Sab. Giu 22nd, 2024

Attori, ex calciatori locali e amministratori si uniscono per sostenere la medicina di precisione e l’oncologia locale.

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Nella partita che ha visto contrapposti la Nazionale italiana degli attori e una selezione di vecchie glorie del calcio locrideo, insieme agli amministratori comunali, è emerso il grande cuore della Locride. Lo scontro, tenutosi allo stadio “Macrì” di Locri, ha concluso ieri mattina due giorni di pura generosità promossi dalla Fondazione “Il Parco di Ercole”, guidata dall’imprenditore Antonio Biancospino.

L’iniziativa, nata dopo l’apertura del parco a Siderno, è stata una maratona di raccolta fondi per finanziare un laboratorio di medicina di precisione a sostegno del reparto di Oncologia dell’ospedale di Locri. Questo progetto, parte del più ampio programma “Nole” ideato dall’associazione “Angela Serra” e con il supporto dell’Università Magna Grecia di Catanzaro, ha suscitato un’onda di solidarietà senza precedenti.

“Creare qualcosa di bello nel nostro territorio è sempre stato il mio obiettivo”, ha dichiarato Biancospino, evidenziando il significato delle 12 statue all’interno del parco, raffiguranti le fatiche di Ercole, simbolo della capacità di superare gli ostacoli con la collaborazione.

L’assessore regionale al Lavoro, Giovanni Calabrese, ha elogiato l’iniziativa definendola “straordinaria”, sottolineando il sostegno finanziario della Regione, guidata dal presidente Roberto Occhiuto. La partecipazione degli amministratori locali, inclusi il sindaco di Locri Giuseppe Fontana e il vice sindaco di Siderno Salvatore Pellegrino, ha dimostrato un’unità di intenti senza precedenti.

Anche i partecipanti alla partita, tra cui il concorrente reggino del “Grande Fratello” Giuseppe Garibaldi, hanno espresso la loro gratitudine nel poter contribuire concretamente al benessere della comunità.

La partita, terminata con il punteggio di 4-3 a favore degli attori, è stata arbitrata da una terna composta da Vincenzo Capogreco, Gabriele Romano e Lorenzo Ameduri. L’evento ha visto la partecipazione entusiasta di studenti delle scuole superiori, associazioni locali, scuole di calcio e di danza, nonché degli artisti “Shark & Groove”, il tutto coordinato da Gianluca Albanese e dall’animatore Emiliano, con la presenza della madrina Daniela Fazzolari.

Infine, sono stati premiati tre studentesse partecipanti al concorso “Oltre le Colonne d’Ercole”, mentre l’associazione “Il Dado asdps”, impegnata nei tornei di calcio a 5 unificato, ha dimostrato il suo impegno nella prevenzione e nella lotta ai tumori, contribuendo a rendere l’evento un vero successo solidale.

Print Friendly, PDF & Email