Lun. Giu 17th, 2024

Filippo Demma, direttore del Parco Archeologico di Sibari, ha espresso con passione la sua visione al Vinitaly. In un’intervista al Corriere della Calabria, Demma ha dichiarato: “Finalmente decidiamo di far conoscere al mondo la nostra storia.” La Calabria, con la sua profonda radice storica, è pronta a rivelare il suo ruolo fondamentale nella cultura vinicola e nell’addomesticazione della vite sulla penisola italica.

Continua dopo la pubblicità...


JonicaClima
amacalabria
Calura
MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
CompagniaDellaBellezza00
previous arrow
next arrow

Il claim scelto per rappresentare la Calabria al Vinitaly è “Dove tutto è cominciato”, un messaggio che sottolinea l’antico rapporto tra la Magna Graecia, il vino e la Calabria. Demma ha evidenziato che le più antiche testimonianze di consumo e addomesticazione della vite provengono proprio dalla Calabria. Ora, finalmente, si sta lavorando per raccontare questa storia nei musei e nei parchi archeologici della regione, coinvolgendo anche gli appassionati di vino e gli esperti del settore.

La cultura di Sibari, parte integrante della Magna Grecia, rappresenta un punto focale di questa narrazione. Il Vinitaly 2024 segna un momento di cambiamento, in cui la Calabria si rivela al mondo come luogo di origine e innovazione vinicola. Le istituzioni e i cittadini stanno collaborando per far sì che il patrimonio culturale calabrese sia frequentato e apprezzato, non solo visitato una volta. La rivoluzione è iniziata, e la Calabria si prepara a condividere la sua storia con il mondo

Print Friendly, PDF & Email