ASP REGGIO: SCURA CONTRARIO A UN NUOVO COMMISSARIAMENTO

255

Il mandato rispetto a chi ha guidato l’ASP è scaduto e cioè per Giuseppe Priolo commissario dell’Azienda sanitaria e per i due sub-commissari, il viceprefetto di Reggio Silvio Campolo e il dirigente della Regione Felice Iracà.
Una missione ai limiti dell’impossibile quella che ha dovuto affrontare la triade dato l’ assetto contabile e finanziario dell’Asp appesantito dai grossi debiti. In regime di proroga possono operare altri 45 giorni, poi sarà la Giunta regionale a dover decidere. Dalle prime indiscrezioni sembra che un nuovo commissariamento sia più che probabile, ma con un incognita e cioè se verranno riconfermati Priolo, Campolo e Iracà. Scura, a riguardo, ha le idee abbastanza chiare dichiarando che ” L’Azienda sanitaria provinciale reggina ha bisogno di un direttore generale, che possa procedere alla nomina di un direttore amministrativo e sanitario, che possa collaborare con il Dipartimento della Salute e soprattutto che provveda ad una programmazione per i prossimi tre anni”. Si percepisce come il commissario Scura sia contrario ad un nuovo commissariamento. Ennesima divergenza tra il presidente della Regione Calabria Oliverio e il Commissario. Di tempo la giunta ne ha avuto abbastanza per poter decidere e la sanità non può permettersi di essere scoperta di incarichi. Un vuoto amministrativo andrebbe a penalizzare una realtà di per se disagiata come quello della sanità.

MANUELA MAMMONE

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.