Corruzione, Giandomenico Monorchio figlio del calabrese ex ragioniere generale dello Stato fra i 21 arresti per appalti Tav Milano-Genova e A3. Escort come tangenti

447

Fra le persone coinvolte Giandomenico Monorchio (figlio dell’ex ragioniere generale dello Stato e Calabrese Andrea Monorchio)

 Spiccano due nomi illustri nell’inchiesta della Procura di Roma su appalti e corruzione delle grandi opere. Uno è l’imprenditore Giandomenico Monorchio (figlio dell’ex ragioniere generale dello Stato Andrea Monorchio) arrestato dai carabinieri del Comando Provinciale di Roma, accusato di corruzione ma non del reato associativo. L’altro, che risulta indagato a piede libero, è invece Giuseppe Lunardi, anch’egli imprenditore, nonché figlio dell’ex potente ministro Pdl ai Trasporti e alle Infrastrutture del governo Berlusconi, Pietro Lunardi. Per aggiudicarsi gli appalti dei lavori per il Terzo Valico genovese gli imprenditori non pagavano soltanto tangenti, ma offrivano anche prestazioni con escort.

Fondamentale, secondo l’accusa, anche il ruolo di Michele Longo, general manager per l’Italia di Salini Impregilo, che è stato arrestato stamani. E di Ettore Pagani, direttore del general contractor Cociv. Longo è presidente del Cociv, il consorzio privato che gestisce gli appalti pubblici per l’ata velocità Milano-Genova e presidente del consorzio Reggio Calabria Scilla che gestisce il macro lotto della Salerno Reggio Calabria che dovrebbe essere inaugurato a fine anno.

Un ruolo chiave nel meccanismo corruttivo svelato dagli inquirenti è stato poi svolto da De Michelis, ingegnere abruzzese che lavora per una grande società di ingegneristica Sintel Engeniering che secondo l’accusa è controllata da Monorchio jr. Al centro delle indagini il direttore dei lavori delle tre opere e il suo socio di fatto, l’ imprenditore calabrese Domenico Gallo.

Le ordinanze riguardano tra gli altri Michele Longo ed Ettore Pagani, presidente e vicepresidente di Cociv. Che con l’ingegnere Giampaolo De Michelis e l’imprenditore Gallo sarebbero il punto di contatto tra le inchieste di Roma e Genova. L’indagine che sembra correre su un unico binario, infatti, è in realta doppia. Una parte è di competenza della procura di Roma, l’altro filone è a Genova.

 

Sono in totale ventuno gli arrestati tra Lazio, Lombardia, Piemonte, Liguria, Toscana, Abruzzo, Umbria e Calabria nell’indagine condotta dai carabinieri di Roma e denominata «Amalgama» (per simboleggiare i legami stretti). Ipotizza la corruzione per ottenere contratti di subappalto nell’ambito dei lavori per la realizzazione della tratta Tav «Av./A.C Milano-Genova-Terzo Valico Ferroviario dei Giovi» (Alta Velocità Milano-Genova), del 6° Macrolotto dell’Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria e della People Mover di Pisa. Agli indagati i procuratori aggiunti Paolo Ielo e Michele Prestipino contestano, a vario titolo, i reati di associazione a delinquere, corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio e tentata estorsione.

Uno scambio di favori tra dirigenti e imprenditori. Falsi certificati sui lavori in cambio di subappalti. Ruolo «chiave» era quello del direttore lavori, l’ingegner Giampiero De Michelis, considerato il «promotore e organizzatore» della banda insieme all’imprenditore calabrese Domenico Gallo. Era proprio lui che, incaricato della direzione dei lavori dal «contraente generale», svolgeva compiacenti controlli di qualità e rilasciava certificati dove si affermava il falso, ottenendo come contropartita «commesse per beni e servizi» fatturati a ditte riferibili a parenti o amici.

Il complesso meccanismo è spiegato dalle intercettazioni telefoniche con le quali i carabinieri, agli ordini del generale Antonio De Vita, hanno incastrato i due principali protagonisti e gli altri indagati coinvolti, a vario titolo, nell’inchiesta. Tantissime le telefonate ascoltate dagli inquirenti. C’è ad esempio quella dell’aprile 2015, nella quale Gallo dice a un coindagato: «Chi fa il lavoro… la stazione appaltante… i subappaltatori… deve crearsi l’amalgama, mo’ è tutt’uno… Perché se ognuno tira e un altro storce non si va avanti… Quando tu fai un lavoro diventi… parte integrante di quell’azienda là… E devi fare di tutto perché le cose vadano bene… è giusto?».

I carabinieri annotano nel verbale, poco dopo, lo stupore dello stesso Gallo nell’apprendere che il suo interlocutore credeva che i controlli sui lavori venissero svolti secondo le regole: «Ah, perché pensavi che erano…». Quello risponde: «Io sì», e Gallo chiarisce: «Nooo… non pensare…. Chi pensa male fa peccato ma non sbaglia mai».

 

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.