Dom. Apr 18th, 2021

Chi non sognerebbe di andare in ferie dal 29 giugno all’11 settembre? Due mesi e mezzo di vacanze per concedersi il meritato riposo tra mare e montagna,

Ma solo 32 persone in Italia hanno questa fortuna. Si tratta dei consiglieri regionali della Calabria, a cui il governatore Oliviero ha concesso una dose “extra strong” di vacanze estive dopo il “duro”, si fa per dire, lavoro svolto nella prima metà dell’anno.
Un argomento che ha destato le ire di molti, tra tutti dei ue parlamentari di Forza Italia, Roberto Occhiuto e Jole Santelli, che hanno presentato un’interrogazione al ministro degli Affari regionali. Sulla questione è intervenuito anche a Stefano Pedica della direzione del Pd
Se ci sono Regioni come la Calabria, dove il consiglio regionale si riunisce in media 16 giorni l’anno, tanto vale togliere lo stipendio ai consiglieri e inserire il gettone di presenza».ha affermato. «A quanto pare, in Calabria l’ultima riunione degli eletti si è svolta il 29 giugno e i lavori riprenderanno l’11 settembre. Da gennaio ci sono state in tutto 20 ore di Aula e i consiglieri hanno trascorso a Palazzo Campanella una dozzina di giorni – sottolinea Pedica -. Di tutto questo si deve rendere conto ai cittadini, visto che sono loro a pagare gli stipendi. Contro gli sprechi bisogna prendere provvedimenti seri. Ecco perché, davanti a casi di questo genere, sarebbe giusto abolire lo stipendio e sostituirlo con il gettone di presenza. Bisogna mettere un freno agli sprechi ed è per questo che presenterò questa proposta al Pd, per utilizzare al meglio le risorse pubbliche nelle Regioni».

Facebook Comments

Di

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.