Regione, sui borghi Oliverio chiama a raccolta i sindaci

338

Nuova conferenza stampa del governatore sul bando che prevede un investimento di oltre 100 milioni. L’avviso, pubblicato in pre-informazione, sarà presentato il 26 giugno in un’assemblea con i primi cittadini

Il governatore Mario Oliverio chiama a raccolta i sindaci sul bando per valorizzare i borghi calabresi: sarà infatti presentato in un’assemblea con i primi cittadini, in programma il prossimo 26 giugno, l’avviso che prevede un investimento di 100 milioni, rivolto ai Comuni, ai quali inoltre si aggiungono altri 15 milioni per la ricettività turistica, destinata ai privati. Il bando, già in pre-informazione sul sito istituzionale della Regione, sarà pubblicato nella forma definitiva entro fine giugno, dopo il confronto con i sindaci, “che – spiega Oliverio – potranno eventualmente proporre osservazioni e suggerimenti”.

INVESTIMENTO INEDITO IN ITALIA È l’appuntamento di martedì prossimo con i sindaci la novità che emerge dalla conferenza stampa del presidente della giunta, che in realtà aveva già illustrato lo scorso 7 giugno il contenuto e soprattutto la strategia sottesa al bando per la valorizzazione dei borghi: insomma, una conferenza stampa bis sul tema. Il governatore dà l’impressione di scommettere molto, anche in chiave politica, su questo bando, che muove in effetti risorse consistenti, e per questo ribadisce: «Si tratta di un intervento importante, che si pone l’obiettivo di recuperare e rilanciare un nostro grande patrimonio, finora non adeguatamente sfruttato in tutte le sue enormi potenzialità. E metto in evidenza il fatto che – sostiene Oliverio – siamo la prima Regione in tutt’Italia a produrre uno sforzo in questa direzione. Proprio per l’importanza strategica di questa visione sui borghi, abbiamo inoltre pensato di semplificare al massimo le procedure, tanto è vero che – rileva il presidente della Regione – entro un mese dalla pubblicazione del bando i Comuni dovranno presentare schede puntuali che saranno valutate da una commissione, appositamente nominata, composta da esperti».

UN VOLANO PER IL TURISMO Secondo Oliverio «il bando sui borghi rappresenta un’operazione ad ampio raggio, perché si punta a fare un’operazione anche di recupero edilizio del nostro patrimonio, sempre in un’ottica di consumo suolo zero che però non dev’essere vista come una “ingessatura” del territorio. Inoltre, questo avviso sui borghi ha anche importanti risvolti anche culturali e turistici visto che tra le finalità che ci siamo posti c’è quella di valorizzare anche l’identità e le tradizioni calabresi e ad ampliare l’offerta turistica. Sotto questo aspetto – osserva il governatore – è importante anche l’investimento per la ricettività turistica, per la quale sono previsti incentivi, in particolare per i privati saranno possibili interventi per il 50% a fondo perduto, con un 10% in più per progetti relativi a borghi collocati in Parchi o aree riconosciuti a livello nazionale come aree interne e un altro 10% in più per progetti presentati da giovani con meno di 35 anni».

ROSSI: «OCCHIO ALLA COMUNICAZIONE» Alla conferenza stampa bis sul bando per i borghi hanno partecipato anche l’assessore regionale all’Urbanistica, Franco Rossi, e i dirigenti regionali Sonia Tallarico, Tommaso Calabrò e Mimmo Schiava. Secondo Rossi «questa nostra strategia sui borghi ha una grande valenza anche culturale e rappresenta un’operazione molto complessa, per questo è fondamentale anche puntare sulla massima comunicazione».

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.